Remer a Chieti per i punti playoff E Comark per l’altissima classifica
Tommaso Marino (Remer Treviglio)

Remer a Chieti per i punti playoff
E Comark per l’altissima classifica

Le due ultime vittorie casalinghe con Legnano e Matera hanno rilanciato a buon diritto la Remer nella corsa ai playoff. Per consolidare l’obiettivo dichiarato in estate dalla dirigenza i trevigliesi dovranno tornare da Chieti con il terzo successo consecutivo.

La sfida, in programma domenica (ore 18) si annuncia, comunque, briosa e al tempo stesso incerta. Anche i padroni di casa sono in fase di incoraggiante recupero essendo in striscia positiva da tre turni. Staccati di un paio di lunghezze dalla Remer logico che vorranno approfittarne del fattore campo per l’operazione-aggancio. A Rossi e compagni, dunque, il compito di un blitz che regalerebbe loro una ulteriore iniezione di autostima. Nel match dell’andata vinse la Remer ma solo nel finale e con una certa fatica. Tranne il giovane Ferri, coach Adriano Vertemati non lamenta altra assenza.

In trasferta pure la Comark (domenica, alle 18). Ad attenderla nel Legnanese, la Sangiorgese che nel girone ascendente la sconfisse in maniera del tutto inaspettata ma meritatamente. Da qui la doverosa rivincita anche perché la squadra di Cece Ciocca è all’inseguimento delle capoliste Orzinuovi e Udine. Esiste, sulla carta, ogni presupposto per un ritorno a Bergamo con la posta in palio visto che i milanesi sono collocati nella zona a rischio della classifica con soli otto punti all’attivo.

Paolo Chiarello (Comark Bergamo)

Paolo Chiarello (Comark Bergamo)

In altre parole c’è una netta differenza nello spessore tecnico delle contendenti. Il team manager della Comark, Franco Meneghel, nella puntata di mercoledì scorso di «Zambasket», su Bergamo Tv, nel presentare la partita ha sottolineato: «Siamo in un periodo di forma che ci fa ben sperare. Troveremo una Sangiorgese puntigliosa perché in lotta-salvezza ma noi, che non perdiamo da sette partite, vogliamo assolutamente ricalcare i copioni degli ultimi due mesi». Quanto alla formazione, potrebbe rientrare Milani.

Arturo Zambaldo


© RIPRODUZIONE RISERVATA