Remer, le trasferte sono indigeste  Sconfitta anche a Ravenna: 84-80

Remer, le trasferte sono indigeste
Sconfitta anche a Ravenna: 84-80

Trasferte indigeste per la Remer in questo inizio di stagione. Com’era accaduto all’esordio in quel di Matera, anche da Ravenna i trevigliesi tornano a casa con uno stop, nemmeno troppo annunciato.

In Romagna non è stata sufficiente la prestazione champagne di Kyzlink di settimana in settimana in graduale spolvero. Venti i punti realizzati dal giocatore in aggiunta agli otto rimbalzi prepotentemente catturati. Ma pure capitan Rossi non ha scherzato con i 16 punti all’attivo e qualcosa come 14 rimbalzi tra le poderose mani. Sempre a livello individuale non male Sorokas (10). Non al meglio, invece, Marino con appena uno su quattro nei tiri dalla grande distanza che la dicono lunga. Sul fronte opposto tanto di cappello nei confronti di Deloach, Smith e l’accreditato Rivali.

Nulla da eccepire sull’impegno agonistico messo sul parquet dai nove remerini utilizzati da coach Adriano Vertemati (unico rimasto sistematicamente in panchina il giovane Ferri). Chiaro che per sbancare il palasport ravennate sarebbe servita una Remer con il quintetto base omogeneamente in palla. Partita che, comunque, ha conosciuto lunghi tratti di equilibrio. I parziali: 22-17; 20-22; 15-15 e 27-26. Adesso, per rimediare il risultato negativo, sotto col prossimo impegno che vedrà il club del presidente Gianfranco Testa, domenica 25, sfidare tra le mura amiche Recanati, fanalino di coda del girone con zero punti.

RAVENNA-REMER 84-80

RAVENNA: Smith 15, Deloach 20, Biancoli, Malaventura 9, Cicognani, Rivali 18, Raschi 9, Manetti, Masciadri 10, Smorto 3.

REMER: Savoldelli 6, Ferri, Chillo 3, Kyzlink 20, Sorokas 10, Marino 8, Spatti, Tambone 15, Rossi 16, Turel 2.

Arturo Zambaldo


© RIPRODUZIONE RISERVATA