Remer, stop al Bologna per rialzarsi Comark, urge successo di prestigio

Remer, stop al Bologna per rialzarsi
Comark, urge successo di prestigio

Remer da allarme rosso; Comark alla ricerca di un successo prestigioso e non solo. Sono i temi della domenica baskettara orobica che coinvolgono trevigliesi e il team cittadino. Al Pala Facchetti (ore 18) è ospite la Fortitudo Bologna, nobile decaduta di media classifica. Al Centro sportivo Italcementi (sempre alle 18) è di scena la corazzata Orzinuovi, dieci partite altrettante vittorie. Sfide che per un verso e per l’altro hanno in comune la palpabile importanza per entrambe le nostre rappresentanti.

Alla Remer, penultima in graduatoria (7 le battute a vuoto, 3 le vittorie) si invoca con urgenza il via all’operazione risalita. A capitan Chiarello e compagni, invece, si auspica di procurare a Orzinuovi il primo dispiacere nella corrente stagione agonistica. In altri tempi ritenere il team della Bassa in grado di superare Bologna sarebbe rientrato nella norma o giu di lì. Oggi come oggi privilegiare la prudenza sul verdetto finale del match diventa alquanto razionale. L’importante è scendere sul parquet senza timori reverenziali confidando su reattività e sostegno adeguato della tifoseria. Assente nel Bologna, Flowers. Prevista una buona affluenza sugli spalti visto che gli emiliani si portano dietro puntualmente un consistente numero di calorosi supporter.

Per la Comark si tratterà di un test di provato spessore. Documentata la qualità dei contendenti anche se il roster di coach Cece Ciocca merita stima e considerazione. Con il rientro di Milani, inoltre, la Comark torna finalmente al completo e non è cosa di poco conto. Agli sportivi, dalle scalinate dell’arena di via Statuto, il doveroso compito di recitare sino in fondo il ruolo del sesto giocatore.


© RIPRODUZIONE RISERVATA