Spadafora sulla ripresa dei campionati «Impossibile dare ora una data certa»
Il Papu Gomez martedì 5 maggio a Zingonia per la ripresa degli allenamenti individuali Foto Afb

Spadafora sulla ripresa dei campionati
«Impossibile dare ora una data certa»

«Auspichiamo tutti che i campionati possano riprendere regolarmente, allo stesso tempo oggi è impossibile dare una data certa della ripresa».

«Dobbiamo almeno verificare l’andamento della curva delle prossime due settimane». Cosi il ministro dello sport Vincenzo Spadafora, rispondendo al questione time alla Camera sulla ripresa del campionato di calcio. «Posso assicurare che fin dall’inizio dell’emergenza ho avuto un rapporto quotidiano con la Figc, anche il mondo dello sport si è dovuto fermare. Simbolo più evidente il rinvio delle Olimpiadi. Il governo ha dovuto contemperare la tutela della salute. La road map comunque è chiara e Il 18 maggio avremo auspicabilmente la ripresa degli allenamenti»

«Non ho mai cambiato linea, abbiamo sempre avuto un contatto con la federazione gioco calcio. Al momento fanno testo quei Paesi che hanno deciso di interrompere in maniera definitiva i campionati». Sono sempre la parole alla Camera di Spadafora che ha continuato così: «Negli ultimi tre giorni si è improvvisamente assistito a un inasprirsi del dibattito politico e mediatico, a mio parere incomprensibile agli occhi degli italiani che temono per la loro salute e per il lavoro. Perfino le diverse tifoserie organizzate lo hanno stigmatizzato. L’idea di definire con urgenza ora e subito la data di ripresa dei campionati contrasta con l’esigenza di definire i passi sulla base dell’andamento dei dati. In Europa le uniche date certe sono quelle che hanno deciso di bloccare per sempre i campionati».

«La Figc - ha sottolineato il ministro - ha proposto un protocollo sul quale il Comitato tecnico scientifico ha ritenuto di dover fare approfondimenti. L’audizione avverrà domani e speriamo possa servire a dare via libera al protocollo, considerando che il calcio non consente distanze di sicurezza nè l’utilizzo di dispositivi di protezione. La road map per la ripresa dello sport è comunque chiara e tuttora valida: il 4 maggio sono ripartiti gli allenamenti per gli sport individuali e, a livello singolo, anche per gli sport di squadra sulla base di un protocollo realizzato da Coni, Cip e Fmsi, poi validato da Cts. Il 18 maggio auspichiamo la ripresa degli allenamenti di tutti gli sport di squadra con le medesime modalità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA