Tiri liberi sul basket orobico Mercato, meglio Bergamo o Treviglio?

Tiri liberi sul basket orobico
Mercato, meglio Bergamo o Treviglio?

Sono in parecchi a chiedermi se allo stato attuale si sia mossa meglio sul mercato Bergamo o Treviglio. Vediamo.

La risposta è immediata e scontata, se si dovesse tenere conto solo del fatto che Treviglio si è già assicurata la coppia di stranieri e che stranieri! Frazier e Nikolic sono due certezze che per di più hanno già vestito la casacca trevigliese in un passato recente. Viceversa Bergamo da questo punto di vista è ancora ferma al palo.

Da quando è stata creata la serie A2 gli stranieri spesso incidono in modo decisivo sull’andamento della squadra, basti pensare nella stagione 80-81 quando l’Alpe del presidentissimo Dante Signorelli volò in A1 grazie alle sensazionali prestazioni di “sceriffo” Chuck Jura e del “principe” Charles Kupec.

Ma come dobbiamo valutare allora l’operato di Gianluca Petronio? Da un lato temporeggiare significa avere meno possibilità di scelta, dall’altra ponderare con attenzione la scelta spesso porta dei vantaggi.

Per quanto riguarda invece l’ossatura della squadra composta dagli italiani anche in questo caso la Cassa Rurale ha accelerato i tempi, ingaggiando Pepe, Bogliardi e Soma e confermando i collaudati Borra, Reati e D’Almeida).

A Bergamo sono arrivati gli esperti e coriacei Masciadri e Pullazi e i giovani Da Campo, Vecerina e Bedini e proprio ieri l’italo senegalese Magaye Seck, mentre sono stati confermati Zugno e il diciannovenne Parravicini.

Da tutto questo non si può che concludere che l’asticella è rivolta maggiormente verso treviglio, ma la scelta dei due stranieri di Bergamo sarà il discrimine decisivo per la valutazione finale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA