Se il cucciolo
continua a mordicchiare...

Mordicchiare in continuazione (soprattutto le mani...) è sicuramente uno degli atteggiamenti del cucciolo che reca più fastidi al padrone.

Se il cucciolo continua a mordicchiare...

In realtà si tratta di un’azione normalissima e non deve dare adito a pensare che il cane sia aggressivo o mordace. La bocca, per tutti i cuccioli (e particolarmente in alcune razze come i retriever che sono stati selezionati per utilizzarla) è lo «strumento» perfetto per prendere contatto con l’ambiente che lo circonda e per confrontarsi con il branco, a due o quattro zampe che sia.

Solitamente se il cucciolo rimane correttamente con la madre ed i suoi fratellini almeno per i primi due mesi di vita, il cane impara a dosare la forza del morso giocando e rapportandosi con gli altri, il brutto vizio di mordicchiare a tutta forza è infatti assai diffuso tra quei cagnetti che sono stati tolti da mamma e cucciolata troppo presto, ma non è raro imbattersi in questo problema anche con cani perfettamente allevati, soprattutto per errori continui da parte nostra che, senza saperlo, andiamo a stimolare questa sua propensione.

Tutto ciò di solito diminuisce con la crescita, ma attenzione, se non corretto per tempo potrebbe trasformarsi in una fastidiosa consuetudine!

Come fare quindi per cercare di arginare questo problema? Prima di intervenire sul cane, come sempre, iniziamo a correggere i nostri errori: la cosa che ci viene più spontanea è sicuramente sgridarlo: ci sta, (più per noi che per lui), ma attenzione a non esagerare in quanto potremmo solo ottenere di aumentare la sua eccitazione.

Anche picchiarlo non serve, si innescherebbe una pericolosa sfida e non dimentichiamoci che, probabilmente, sono i nostri errori che lo hanno portato a tanto. Nella stragrande maggioranza dei casi sta semplicemente giocando. Già, eccolo qui l’inghippo… Il gioco! Chi non si diverte (papà e maschietti più o meno grandi non potete negarlo) a giocare con il cucciolo alla lotta o al tira e molla? Voi “lottate” con lui utilizzando le mani, lui cosa utilizza per “lottare” con voi? O ancora, voi tirate la vecchia salvietta con le mani, lui cosa utilizza per contendervela? E sapete qual è il segreto di tanto successo in questi giochi? Il divertimento! Lui si diverte moltissimo e sa di condividere questa gioia con voi, quindi per sua natura tenderà a ricreare spesso questa situazione quando cercheremo le sue attenzioni o quando lui tenterà di attirare le nostre su di se.

Inoltre non dimentichiamoci che quella che oggi è una brutta salvietta da mordere domani potrà essere una sciarpa o la manica del vostro pregiato maglioncino di cachemire.

Altro errore molto comune in cui si incappa è quello di offrirgli un bocconcino per farlo smettere. Il cane agisce con il meccanismo dello stimolo-risposta: se mordicchiandovi riceve un boccone, logicamente lo rifarà. Chiamatelo stupido…

Vediamo adesso ciò che è consigliabile fare per fargli interrompere l’azione: innanzitutto cerchiamo di prevenirlo, se conoscete bene il vostro cane saprete benissimo quando sta per iniziare. Provate a catturare la sua attenzione con una pallina, meglio se in gomma e di dimensioni consone alla sua bocca, se riuscite a distoglierlo dall’idea di mordicchiare, lanciategliela. Avrete preso i classici due piccioni con una fava, ovvero avete anticipato l’atteggiamento scorretto e avete premiato la sua capacità di ritornare sui propri passi.

Se ciò non dovesse sortire alcun effetto, vi consiglio di produrre un rumore improvviso: battere forte le mani può servire ma diventa presto prevedibile e ben tollerato, meglio avere a portata di mano qualche oggetto rumoroso, come un coperchio di pentola ed un cucchiaio. Accompagnate questo vostro tentativo con un vocalizzo breve e secco (ad es. “ehi!”), perché in queste circostanze è meglio del “no”, che invece deve diventare un comando a tutti gli effetti.

Certo si tratta di una consuetudine fastidiosa, ma non possiamo impedirgli di dare sfogo a quello che a tutti gli effetti è un suo istinto naturale, quindi cerchiamo di assecondarlo convogliando la sua voglia di mordere su qualche gioco che lo soddisfi appieno. Uno su tutti è sicuramente il kong, la famosa “pera” di gomma, praticamente indistruttibile, che dispensa bocconi prelibati in maniera davvero intelligente, in quanto rilascia un pochino del suo contenuto a seconda di dove viene masticato, invogliando il nostro amico a quattro zampe a continuare a morderlo.

Come il kong esistono tantissimi altri giochi simili che si adattano benissimo allo scopo che vi state prefiggendo: a voi la scelta!

*educatore cinofilo professionista

© RIPRODUZIONE RISERVATA