Ancora controlli nelle macellerie Una chiusa e multe per migliaia di euro

Ancora controlli nelle macellerie
Una chiusa e multe per migliaia di euro

Sospesa un’attività per motivi igienico-sanitari e comminate sanzioni per migliaia di euro.

Giovedì mattina i carabinieri della Compagnia di Treviglio e gli ispettori del Servizio veterinario dell’Ast di Bergamo hanno effettuato due controlli a sorpresa presso altrettante macellerie islamiche di Treviglio. L’attività ispettiva interforze in questione ha riguardato la verifica degli aspetti igienico-sanitari delle attività commerciali etniche, entrambe gestite da negozianti egiziani.

Nella prima macelleria islamica il i militari dell’Arma ed i tecnici dell’Ast hanno riscontrato alcune carenze sotto il profilo igienico-sanitario in relazione alle quali sono state disposte delle apposite prescrizioni, che qualora non ottemperate faranno scattare una sanzione amministrativa pecuniaria di 2.000 euro: bancone per il taglio della carne da sostituire, vassoi porta-carne non conformi, inefficienza nel sistema ermetico di chiusura della cella frigorifero, necessità di rifacimento delle piastrelle nello spazio per la lavorazione della carne ed altre criticità simili.

Nella seconda macelleria, invece, sono state rilevate violazioni in materia igienico-sanitaria più importanti, motivo per il quale è scattata la sospensione temporanea immediata dell’attività commerciale in attesa dell’eventuale ripristino dello stato dei luoghi, che verrà confermata dall’ordinanza del sindaco di Treviglio a ratifica dell’accertamento svolto dai carabinieri e dai tecnici del Servizio veterinario: rilevati alcuni prodotti alimentari scaduti di validità posti in vendita, presenza di alimenti non tracciati messi in vendita, mancata formazione del personale preposto alla manipolazione degli alimenti, scarse condizioni igienico-sanitarie in generale. Per tale motivo, anche in questo caso, oltre alle prescrizioni di legge, seguiranno altresì contestazioni amministrative pecuniarie per diverse migliaia di euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA