Arrestato per lesioni e resistenza È un ex concorrente del Grande Fratello

Arrestato per lesioni e resistenza
È un ex concorrente del Grande Fratello

Sabato pomeriggio i Carabinieri della Stazione di Romano di Lombardia hanno arrestato in flagranza di reato per resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate un 30enne di Romano di Lombardia.

L’uomo, già concorrente del “Grande Fratello”, in evidente stato di alterazione psico-fisica, si è reso protagonista di un escalation di violenze, prima in famiglia e poi nei confronti dei carabinieri intervenuti per riportarlo alla calma. Nei suoi confronti i carabinieri hanno infatti proceduto anche «per maltrattamenti in famiglia in relazione alle condotte violente e minatorie da tempo poste in essere dal giovane nei confronti dei genitori, tra l’altro adottivi – si legge nella nota dei militari -. È stata proprio la madre a chiamare i militari dell’Arma tramite il “112” disperata per l’ennesima azione aggressiva del figlio nei suoi riguardi. Giunti sul posto i Carabinieri, il 30enne si è scagliato anche contro di loro, minacciandoli ed addirittura, ad un certo punto, agendo fisicamente addirittura anche contro di loro. E’ stato necessario infatti l’intervento di una seconda pattuglia del Nucleo Radiomobile di Treviglio per poter contenere l’uomo, con alle spalle già altri precedenti di polizia per reati vari. A questo punto è stato inevitabile il relativo arresto in flagranza di reato. Accompagnato in Caserma a Romano di Lombardia, anche lì l’uomo ha continuato ad agitarsi, danneggiando altresì un cancelletto metallico. Tutto ciò gli è costata un’ulteriore contestazione per danneggiamento aggravato».

I Carabinieri rimasti infortunati hanno riportato cinque giorni di prognosi ciascuno a seguito delle lesioni personali subite dal 30 enne.

Nei confronti dell’arrestato, trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia CC di Treviglio su disposizione del PM di turno, nella mattinata odierna si svolgerà la relativa udienza di convalida davanti al Tribunale di Bergamo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA