Caccia al topo in mensa a Covo Era un riccio: catturato e liberato

Caccia al topo in mensa a Covo
Era un riccio: catturato e liberato

La caccia al topo è scattata in men che non si dica, quando sono state trovate tracce organiche nella mensa alla scuola materna di Covo.

Alla fine però l’intruso era un riccio, «catturato» e liberato in campagna. «La scuola ci ha comunicato tempestivamente il ritrovamento di queste tracce organiche – spiega Andrea Torriani, assessore alla Pubblica istruzione, che aggiunge –: il Comune si è mosso subito e già sabato mattina 28 ottobre è arrivato l’addetto incaricato dell’eventuale disinfestazione, se questa si fosse resa necessaria. L’addetto ha, come previsto, posato le trappole. Lunedì mattina il disinfestatore è tornato all’asilo, ma non c’era nessun topo nelle trappole: dunque, si trattava di qualche altro animale». E infatti era propri così: nella stessa mattinata di lunedì è stato trovato il riccio, che si era intrufolato nel locale riservato ai bidelli. A quel punto, il piccolo animaletto appallottolato è stato messo in una scatola di cartone e mostrato ai bambini dell’asilo, «che hanno fatto così la conoscenza con un animale che non vedono tutti i giorni» dice ancora l’assessore. Fatta la sua «passerella», il riccio è poi stato liberato in campagna dove si metterà in letargo.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 4 novembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA