Carabinieri «scatenati» nella Bassa Un arresto e dieci denunciati per rissa

Carabinieri «scatenati» nella Bassa
Un arresto e dieci denunciati per rissa

Una serie di interventi dei carabinieri della compagnia di Treviglio. A Zingonia arrestato un marocchino, a Covo denunciati 10 giostrai per rissa, a Verdello e Osio Sotto altri due denunciati per non essersi sottoposti all’alcol test. A Bariano sventato assalto al bancomat.

Nelle ultime 24 ore si sono susseguiti numerosi servizi di controllo del territorio da parte dei carabinieri della Compagnia di Treviglio :
A Verdellino hanno rintracciato ed arrestato un marocchino 32enne ricercato per un ordine di carcerazione emesso nei suoi confronti dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Bergamo. Lo straniero, clandestino sul territorio nazionale, dovrà scontare oltre 2 anni di reclusione per reati contro la persona ed il patrimonio commessi, dal 2009 al 2014, in Provincia di Bergamo, per cui è arrivato un cumulo pene. Il 32enne marocchino ora si trova in carcere a Bergamo.

A Covo i Carabinieri di Romano di Lombardia hanno denunciato a piede libero 10 persone per rissa in concorso. Si tratta di persone di età compresa tra i 23 ed i 45 anni, molte delle quali unite tra di loro da un vincolo di parentela e di professione giostrai, al termine di una cena fatta insieme, per futili motivi probabilmente legati alla relativa professione, hanno ad un certo punto ingaggiato una violenta rissa tra di loro. Diverse le pattuglie della Compagnia CC di Treviglio intervenute per sedare gli animi. La loro posizione è ora al vaglio della Magistratura Bergamasca. Tra di loro anche due donne.

A Verdello i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato per rifiuto di sottoporsi all’alcoltest un operaio 35enne della provincia di Bergamo. L’uomo, trovato alla guida del in stato di alterazione psico-fisica, si è rifiutato di sottoporsi all’alcoltest. A questo punto, oltre al deferimento penale all’A.G. di Bergamo, è derivato altresì il ritiro immediato del documento di guida ed il sequestro amministrativo del veicolo condotto, un’utilitaria, ai fini della confisca a favore dello Stato.

Infine a Osio Sotto, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Treviglio hanno sottoposto a controllo il conducente di un’utilitaria notato procedere a zig zag lungo la strada SP 184. A questo punto i militari hanno identificato il relativo occupante, un 25enne della provincia di Milano. Tale soggetto, in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuto all’abuso di alcol, ha rifiutato di sottoporsi all’alcoltest. ll giovane ha insultato i militari operanti, tentando altresì di opporsi alle relative operazioni di servizio. Per tale ragione, oltre al reato di rifiuto agli accertamenti alcolimetrici, il 25enne è stato anche denunciato penalmente per resistenza a pubblico ufficiale. Ritirata anche la patente di guida ai fini della successiva sospensione prefettizia.

A Bariano, i militari attraverso l’intervento in simultanea sul posto di più pattuglie, hanno sventato un assalto al bancomat della Banca Popolare di Bergamo. Gli ignoti malfattori, più persone probabilmente secondo le prime verifiche degli investigatori dell’Arma, avevano tentato di forzare il bancomat posto all’esterno di tale istituto di credito prendendolo a picconate. La segnalazione giunta però al “112” pressoché nell’immediatezza, ha permesso ai militari dell’Arma di interrompere tale azione criminosa, facendo così desistere gli autori della stessa. Intanto sono partite le indagini del caso per risalire a tali soggetti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA