Caravaggio, boato e crepe nel muro Due famiglie restano fuori casa

Caravaggio, boato e crepe nel muro
Due famiglie restano fuori casa

Due crepe si sono aperte all’interno di un appartamento di via Cantù, a Caravaggio. Due famiglie sono state fatte evacuare per motivi di sicurezza.

Un forte boato, un muro che si apre e due famiglie che ora si trovano fuori casa. Il piano di evacuazione scattato domenica sera 3 febbraio intorno alle 21 in una casa Aler di via Cesare Cantù, a Caravaggio, è stato dettato da motivi precauzionali: le due crepe apertesi all’interno di un appartamento al secondo piano della scala B ha convinto i Vigili del fuoco intervenuti a far uscire dai loro alloggi le nove famiglie che abitano in questa ala del condominio, costruito negli Anni Sessanta. Il tutto per valutare eventuali problemi strutturali e evitare, nella peggiore delle ipotesi, che nuovi cedimenti potessero creare danni alle persone.

I Vigili del fuoco di Treviglio e Dalmine intervenuti in via Cantù riferiscono di un «muro spanciato». La proprietaria dell’appartamento dove si è verificato il cedimento avrebbe udito strani rumori nel pomeriggio: «Erano le 16,30 circa – racconta –, ho sentito forti crepitii, quasi come dei colpi. Alle 21 di nuovo un boato forte e ho visto che si sono aperte due crepe in un muro».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 3 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA