Distrutta piantagione di asparagi Tagliati e lasciati a terra: è giallo

Distrutta piantagione di asparagi
Tagliati e lasciati a terra: è giallo

Il singolare atto vandalico è stato architettato da ignoti la notte tra sabato e domenica e i responsabili della cooperativa, Fabio Proverbio e Francesco Tassetti, domenica mattina hanno subito chiamato i carabinieri.

Si sono introdotti di notte nei campi della società cooperativa agricola Castel Cerreto, tra l’omonima frazione a Nord di Treviglio e la cascina Pèliza (oggi nota anche come Pèlesa e tra l’altro utilizzata da Ermanno Olmi per alcune scene de «L’Albero degli zoccoli»), e hanno devastato tre quarti della piantagione di asparagi rosa che si estende su circa settemila metri quadrati.

«Al di là del danno economico, ci stupisce questo singolare accanimento nei confronti degli asparagi – spiega Proverbio, che è presidente della società cooperativa –: non abbiamo alcun nemico, né siamo mai stati minacciati da nessuno. La particolarità sta nel fatto che non hanno tagliato gli asparagi per portarseli via, ma li hanno fatti a pezzetti e lasciati lì». L’asparago in questione è caratterizzato dal colorito rosaceo, dovuto alla conformazione argillosa del territorio: al palato questo genere di asparago ha la particolarità di essere particolarmente dolce. «Non abbiamo nemmeno concorrenti in zona, perché siamo gli unici che li producono – rileva ancora Proverbio – e quindi siamo davvero esterrefatti».

In azione, si presume, almeno più di una persona: saranno comunque visionate le riprese di alcune telecamere del territorio, alla ricerca di qualche elemento utile. Il raid dev’essere durato anche parecchio, vista l’estensione del vandalismo.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo dell’8 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA