Drone sui fontanili della Bassa  La mappa dei corsi d’acqua - il video
La squadra di Phytosfera ed Ecates impegnata nel lancio del drone

Drone sui fontanili della Bassa

La mappa dei corsi d’acqua - il video

Il progetto coinvolge cinque Comuni della Bassa: centinaia di foto con l’apparecchiatura telecomandata. Le prime uscite nella zona di San Cosmo e nel Cremasco.

Un drone in volo sui fontanili della Bassa, per studiarne le caratteristiche. Ci sono anche i corsi d’acqua di Arzago, Misano, Mozzanica, Fontanella e Barbata fra i 320 oggetto d’indagine da parte dei responsabili del progetto «Il fontanile nella maglia ecologica», studio di fattibilità finalizzato a elaborare strategie di riqualificazione e di gestione dei fontanili monitorati e a individuare connessioni fra i fontanili stessi e le diverse aree protette per creare la cosiddetta «maglia ecologica».

I fontanili presi in esame da questo progetto appartengono ad una vasta fascia di pianura che va da Zelo Buon Persico, nel Lodigiano, fino al Soncinate passando per l’Alto Cremasco e la Bassa Bergamasca. Cinque i comuni della Bassa interessati. Due quelli del Lodigiano e 19 quelli della provincia di Cremona. Affidato allo studio Phytosfera di Pavia e finanziato per il 52% dal bando Connessioni ecologiche della Fondazione Cariplo (140 dei 269 mila euro di costo complessivo) il progetto ha come capofila il Consorzio di Bonifica Dugali e come partner il Parco Adda Sud, le province di Cremona e di Lodi e l’università di Pavia e come enti sostenitori la provincia di Bergamo, il Parco Oglio Nord ed il Parco del Serio. Interessati anche il Plis dei Fontanili ed il Plis del Tormo.

Un’indagine più che mai accurata quella svolta dai tecnici di Pyhotosfera Giovanni Santamaria e Mauro Perracino e dalle loro collaboratrici Cecilia Caffi ed Elena Guerrieri, coadiuvati dell’esperto faunista Riccardo Groppali e dell’esperto di botanica Francesco Sartori. Fondamentale, per il loro lavoro, si è rivelato (laddove è stato possibile, altrimenti si è fatto ricorso ad altri mezzi comunque di natura tecnica) l’utilizzo di un drone, capace di volare sopra i corsi d’acqua e di produrre centinaia di immagini con precisione al centimetro o addirittura sotto il centimetro grazie alla fotocamera ad alta risoluzione montata all’interno del mezzo. Giovedì 14 aprile il drone è stato fatto volare sopra i fontanili «Quarantina» e «Cimitero Ovest» di Farinate, frazione di Capralba, nell’Alto Cremasco.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 22 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA