Greta ha fretta di nascere Parto in casa a Calvenzano

Greta ha fretta di nascere
Parto in casa a Calvenzano

Ha deciso di venire alla luce con una settimana di ritardo, prendendo mamma e papà «in contropiede» tra le mura domestiche, risultando così la prima bimba di Calvenzano nata in casa, a distanza di 47 anni dall’ultimo analogo episodio.

Sì, perché da allora quasi tutte la mamme calvenzanesi hanno partorito nel vicino ospedale di Treviglio. Mercoledì l’inatteso e lieto fatto che ha avuto come protagoniste Greta Bonomi, una sana e vispa bimba del peso di 3 chili e 480 grammi, e la sua mamma Daria: la neonata è la terzogenita della famiglia Bonomi, che risiede in paese, in via Marconi.

A rendere pubblicamente noto il fatto è stato il sindaco Fabio Ferla, non appena informato dall’impiegata dell’ufficio anagrafe. Ha postato sulla propria pagina di Facebook quanto successo: «Mi sembrava il minimo - ha poi spiegato Ferla - anche perché la bimba e la mamma stanno bene e siamo di fronte a un evento soprattutto felice, per di più anche storico per la nostra comunità». Il primo cittadino non si è pero fermato ai social: ha annunciato pubblicamente anche attraverso i due display informativi comunali che era nata Greta e il particolare della nascita casalinga. Il tutto ha avuto inizio ieri verso le 5, quando in casa Bonomi, c’erano il marito, la moglie Daria in dolce attesa e le altre due figlie di 9 e 4 anni. Le doglie sono sopraggiunte precipitose, cogliendo di sorpresa l’intera famiglia. «Subito abbiamo capito che il momento era arrivato e non c’era tempo per raggiungere l’ospedale di Treviglio – ha spiegato la mamma di Greta dal reparto di Ostetricia – e nemmeno attendere l’arrivo dell’ambulanza. La bimba è nata sul nostro letto e a darmi grande aiuto è stato mio marito».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 26 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA