Il grande dolore di Calcio e Cividate per Simone e Roberto, amici e soci
Da sinistra, Simone Pagani e Roberto Pizzetti

Il grande dolore di Calcio e Cividate
per Simone e Roberto, amici e soci

Le due vittime del terribile schianto sulla Brebemi avevano 41 anni: lavoravano come idraulici.

Avevano entrambi 41 anni. Simone Pagani e Roberto Pizzetti, morti nello schianto sulla Brebemi, lasciano mogli, i genitori, i fratelli e un bambino di soli cinque anni, figlio di Roberto. I due artigiani e soci di lavoro, mercoledì mattina erano diretti nel Milanese come spesso facevano. Simone Pagani aveva lasciato la sua casa di Cividate al Piano per passare a prendere a Calcio l’amico Roberto Pizzetti, i due avevano poi imboccato la Brebemi: poco dopo, il terribile schianto.

Simone Pagani era nato e cresciuto a Pontoglio, in provincia di Brescia, ma da 14 anni abitava con la moglie a Cividate al Piano, comune della consorte. «Una persona molto riservata, dedita al lavoro e alla famiglia di poche parole ma generoso e sempre disponibile quando gli veniva chiesto. Posso dire che il lavoro per lui era anche una passione», lo ricorda un parente.

Roberto Pizzetti abitava a Calcio, ma era conosciutissimo a Romano di Lombardia per essere figlio di Emanuele Pizzetti, storico meccanico e rivenditore di biciclette. Lascia la moglie e il piccolo Michael di 5 anni «Viveva per la sua famiglia e stravedeva per il suo bambino. Siamo di fronte a un tragedia alla quale ancora non crediamo e dura da accettare» ricorda una zia.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 16 febbraio

© RIPRODUZIONE RISERVATA