Incendi ai parcheggi dello scalo di Orio Arrestati 5 presunti responsabili- Video

Incendi ai parcheggi dello scalo di Orio
Arrestati 5 presunti responsabili- Video

Blitz dei carabinieri domenica 11 marzo nei comuni di Bergamo , Milano e Napoli.

Gli incendi dolosi si sono verificati nel 2017 all’Azzurro Park (14 giugno) e al Blu Parking di Grassobio (16 giugno), due strutture che sorgono nel territorio di Grassobbio e vengono utilizzate dai clienti dell’aeroporto «Caravaggio» di Orio al Serio. Il primo il rogo aveva causato il danneggiamento di due vetture, mentre il secondo di ben 51 (vedi foto).

Grassobbio auto nel parcheggio punto blù dopo un incendio doloso

Grassobbio auto nel parcheggio punto blù dopo un incendio doloso
(Foto by Beppe Bedolis)

Le indagini del nucleo investigativo dei carabinieri di Bergamo hanno permesso di accertare l’esistnza di un sodalizio criminale al cui vertice operativo c’era un pregiudicato 36enne di origine napoletane ma residente a Bergamo che ora è ai domiciliari. L’uomo è un ex dipendente dell’Azzurro Parking e amministratore di un’altra società la «Orio Big Parking» che gestisce aree di parcheggio a Seriate e Grassobbio. La banda era poi composta da 3 ucraini di 41, 35 e 30 anni domiciliati nel milanese che sarebbero stati ingaggiati con 750 euro per compiere gli incendi con bottiglie incendiarie, otto delle quali poi ritrovate ancora integre in un aiuola a 300 metri dai parcheggi bruciati. L’obiettivo era quello di intimidire i proprietari dei parcheggi per imporre prezzi stabiliti e alterare la concorrenza. Ecco il video del momento in cui è stato appiccato il rogo nel giugno del 2017.

I reati nei confronti dei 5 presunti responsabili sono incendio doloso, detenzione e porto illegale di bombe molotov e nei confronti del capo del sodalizio criminale anche evasione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA