Luoghi bergamaschi da valorizzare  Quasi 3 milioni di euro per sei progetti
le minisere di Dossena

Luoghi bergamaschi da valorizzare
Quasi 3 milioni di euro per sei progetti

La presidenza del Consiglio dei Ministri ha diffuso l’elenco dei progetti che hanno ricevuto i finanziamenti del bando Bellezza.governo. Sei sono bergamaschi.

Un bando che sembrava finito nel dimenticatoio e invece proprio nei giorni in cui le Camere vengono sciolte il governo ha diffuso l’elenco dei progetti che hanno ricevuto i fondi di Bellezza.Governo. Più di un anno fa cittadini e amministrazioni hanno segnalato luoghi e tesori «dimenticati» da valorizzare. Tra le migliaia di progetti inviati da ogni angolo d’Italia ne sono stati scelti 273. Ce ne sono anche sei bergamaschi, per un totale di 2 milioni e 852 mila euro. Sono le miniere Miniere di Paglia Pignolino a Dossena con 1 milione e 200 mila euro, la torre medievale e l’oratorio di Scanzorosciate per 1 milione, il centro culturale Sant’Anna a Canonica d’Adda (300 mila euro), la chiesetta della SS. Trinità della “Torre” a San Pellegrino Terme (180 mila euro), il progetto Murales «Calcio muri d’autore» a Calcio per 107 mila euro e la chiesina di Saore San Giorgio a Osio Sotto (65 mila euro).

«Durante i #MilleGiorni ci siamo posti un obiettivo ambizioso: recuperare i luoghi culturali dimenticati d’Italia mettendo a disposizione 150 milioni di euro – si legge in un post di Maria Elena Boschi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio -. I cittadini hanno avuto la possibilità di segnalare un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare. Una Commissione ha stabilito a quali progetti assegnare le risorse. Ecco i risultati. Biblioteche, affreschi, ferrovie, teatri, miniere, aree naturalistiche e molti altri luoghi in tutta Italia potranno rinascere grazie al più grande progetto nazionale di recupero della nostra #bellezza, patrimonio più grande del nostro Paese».

LA MAPPA

Leggi l’approfondimento sull’Edizione de L’Eco di Bergamo in edicola 30 dicembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA