Romano, controlli in zona stazione Una denuncia per spaccio e un arresto
La stazione di Romano di Lombardia

Romano, controlli in zona stazione
Una denuncia per spaccio e un arresto

Nel corso di un controllo straordinario del territorio dei carabinieri nella zona della stazione ferroviaria di Romano di Lombardia, i militari dell’Arma hanno eseguito una denuncia per spaccio e un arresto.

A partire dal pomeriggio di sabato 7 marzo e fino a serata inoltrata, una dozzina di carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno eseguito il controllo straordinario di zone ben localizzate di Romano di Lombardia al fine di contrastare il fenomeno della vendita e del consumo di stupefacenti tra i giovani che, in particolare nel fine settimana, implementano il consumo di droghe. Contemporaneamente, la finalità del servizio è stata quella di contrastare i reati contro il patrimonio e la persona che, nell’ultimo periodo, avevano portato alcune segnalazioni, anche a seguito del verificarsi di alcuni fatti delittuosi avvenuti proprio nell’area dello scalo, dei sottopassi pedonali e delle vie limitrofe, alla stazione ferroviaria.

Dopo alcuni servizi in abiti civili, i militari hanno inquadrato fenomenologia ed entità del problema e soprattutto circostanziato le specifiche aree interessate, dove sono intervenuti in forze proprio nella serata di sabato 7 marzo. Proprio in una di tali situazioni emerse durante le attività di osservazione, i carabinieri, notando un via vai di persone quanto meno strano da una abitazione prossima alla stazione ferroviaria, hanno deciso di farvi ingresso per controllare cosa stesse succedendo.

Sul tavolo della cucina, come fosse una tavola bandita per il pranzo, hanno invece trovato apparecchiati hashish (20 grammi circa), marijuana (10 grammi circa) e cocaina (5 grammi circa), due bilancini e oltre 500 euro in banconote da piccolo taglio che P. C. 41enne del posto, non sapendone giustificare la provenienza si è visto sequestrare immediatamente quale somma di provenienza illecita. I carabinieri, oltre che sequestrare la sostanza stupefacente e i due bilancini, hanno provveduto a denunciare a piede libero per detenzione a fini di spaccio anche il 41enne proprietario di casa.

Nell’ambito dello stesso servizio straordinario di controllo del territorio, i carabinieri hanno rintracciato ed eseguito una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un cittadino colombiano, R.C.W. di 33 anni, temporaneamente domiciliato a Fara Olivana con Sola, imputato per maltrattamenti nei confronti della propria ex compagna, una 43enne di Romano di Lombardia. L’uomo è stato tradotto presso il carcere di via Gleno a Bergamo, in attesa che il processo faccia il suo corso.

In tarda serata i controlli dei militari sono stati estesi anche ai bar della zona per verificare l’applicazione dell’ordinanza restrittiva emessa per contrastare la diffusione del contagio da coronavirus, e agli automobilisti in transito. Sono stati fermati e controllati 21 veicoli e verificando oltre 40 persone.

Il controllo di sabato sera 7 marzo non rimarrà isolato ma i servizi proseguiranno anche nelle prossime settimane, sia per fornire valide risposte alle segnalazioni pervenute dai cittadini ed amministratori del posto, ma anche per dare un segnale concreto a chi traffica illecitamente sostanze stupefacenti o a coloro i quali si rendono responsabili di reati contro il patrimonio e la persona, facendo sentire meno sicuri i cittadini che transitano o vivono in determinate zone di Romano.


© RIPRODUZIONE RISERVATA