Spirano, fuori casa 40 persone  «Tetto instabile», allarme alle case Aler

Spirano, fuori casa 40 persone
«Tetto instabile», allarme alle case Aler

La precauzione per la curvatura insolita della copertura dell’ala sud dello «stallazzo». Aler: nessuna lesione. Le 18 famiglie ospitate da parenti o in albergo.

Il tetto del palazzo si imbarca e 18 famiglie sono costrette a lasciare i loro appartamenti: in tutto una quarantina di persone, italiane e straniere, tra cui diversi bambini, che nella notte tra venerdì 19 e sabato 20 gennaio hanno dormito chi in albergo chi da parenti. Tanta paura a Spirano tra i residenti del grande cortile conosciuto come «lo stallazzo», di proprietà dell’Aler, che si trova in via Fiume, in pieno centro storico al paese.

L’ex complesso rurale, che a pianoterra ospita anche l’ufficio di polizia locale, era stato ristrutturato una ventina di anni fa dall’Azienda lombarda per l’edilizia residenziale pubblica, che ha ricavato 56 appartamenti da dare in locazione: ad oggi tutte le unità abitative, che sono disposte su tre livelli (due piani più un sottotetto) sono abitate, tranne due sfitte.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 20 gennaio 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA