Trovato morto in casa a 33 anni Martinengo piange Davide Vittori
Davide Vittori, 33 anni di Martinengo, con Fatim, la bambina africana che aveva adottato a distanza nel Mali

Trovato morto in casa a 33 anni
Martinengo piange Davide Vittori

Davide Vittori, tecnico di 33 anni di Martinengo, è stato trovato senza vita nel suo letto sabato 2 gennaio. Era molto conosciuto in paese per essere anche musicista, allenatore di calcio e impegnato nel volontariato con progetti di sostegno a distanza per la popolazione del Mali. Il decesso forse causato da un malore improvviso, si farà l’autopsia.

I genitori Giuseppe e Serena hanno trovato Davide nel letto, deceduto da qualche ora, nella sua casa di vicolo della Scienza. Lo avevano atteso invano per il pranzo nella casa dove vivono. Verso le 15,30 i coniugi Vittori hanno deciso di recarsi nell’abitazione del figlio. Hanno citofonato più volte, bussato alle finestre dell’appartamento, al pianterreno del condominio, senza però ottenere risposta. A quel punto Giuseppe Vittori ha forzato uno dei serramenti ed è entrato nell’appartamento, trovando il figlio Davide nel suo letto, coperto dal piumone come se stesse dormendo, invece era già senza vita.

La disperazione ha colto i due genitori che hanno immediatamente lanciato la richiesta d’intervento al 112 che ha inviato un’automedica e un’ambulanza. Purtroppo il personale medico e infermieristico non ha potuto che constatare il decesso di Davide Vittori. Davide non aveva mai avuto problemi di salute e lo confermano anche le visite mediche alle quali si era sottoposto perché vice allenatore degli Esordienti della locale squadra di calcio Forza & Costanza. Non appena libero dal lavoro, come tecnico alla Nuova Euromec di Martinengo, ditta che fabbrica e vende macchinari industriali per produzione di caramelle, Davide si dedicava alle sue passioni: il calcio, la musica e l’aiuto verso la gente bisognosa del Mali.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 3 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA