Zingonia, retata anti prostituzione Multe ai clienti per centinaia di euro - Video

Zingonia, retata anti prostituzione
Multe ai clienti per centinaia di euro - Video

Nuova retata antiprostituzione a Zingonia dei carabienieri di Treviglio: multe ai clienti. «Sono in gran parte padri di famiglia».

Nuovo blitz dei Carabinieri di Treviglio a Zingonia: questa volta nel mirino il giro di prostituzione dell’area tra Verdellino, Ciserano e Osio Sotto. Nella notte tra mercoledì 26 e giovedì 27 settembre i Carabinieri hanno effettuato controlli «a tappeto» a Zingonia, già oggetto nei giorni scorsi di altre operazioni antidroga, contro le occupazioni abusive di appartamenti da parte di stranieri e anche di contrasto al fenomeno degli «affitti in nero».

I militari dell’Arma, una trentina in tutto, sia in divisa che in borghese, hanno rintracciato in più punti del territorio sei transessuali brasiliani, con un’età compresa tra i 20 ed i 30 anni, metà dei quali con alle spalle già altri precedenti di polizia per reati contro la persona, il patrimonio e in materia di droga. I sei stranieri sono stati bloccati mentre si stavano prostituendo su strada in abiti succinti. Sottoposti a rilievi fotosegnaletici e dattiloscopici, tutti quanti sono risultati non in regola con la normativa sul soggiorno degli stranieri sul territorio nazionale e così sono stati conseguentemente denunciati in stato di libertà. Avviata poi nei loro confronti la procedura di espulsione amministrativa tramite l’Ufficio Stranieri della Questura di Bergamo.

In arrivo, infine, anche questa volta, diverse «multe» per alcune centinaia di euro per i clienti dei transessuali fermati dai Carabinieri, nella maggior parte dei casi «padri di famiglia» dallo stile di vita apparentemente irreprensibile, in violazione dell’ordinanza sindacale vigente antidegrado, questo a voler dimostrare – spiegano i Carabinieri – come il problema della prostituzione sia da ricercare anche nella crescente «domanda» da parte del «mercato interno» che stimola inevitabilmente un redditizio fenomeno criminale che ne produce la conseguente offerta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA