24 unità speciali di Continuità assistenziale «In Bergamasca operative per fine anno»

24 unità speciali di Continuità assistenziale
«In Bergamasca operative per fine anno»

Da 12 a 18 unità entro dicembre e poi fino a 24 entro la fine del 2020 per arrivare al rapporto di una Usca ogni 50.000 abitanti come previsto decreto legge 16 del 9 marzo 2020.

È questo il programma di crescita delle Unità speciali di Continuità assistenziale (Usca) di Ats Bergamo nelle prossime settimane, una crescita possibile grazie al fatto che al bando dell’Agenzia di Tutela della Salute hanno risposto numerosi giovani medici.

Le Usca, servizio attivato dal medico di medicina generale per i pazienti Covid-19 confermati o sospetti con precise caratteristiche, possono effettuare visite mediche domiciliari e attivare kit per il telemonitoraggio (con la consegna dei dispositivi necessari stabiliti dal medico di famiglia) per il costante monitoraggio dei parametri vitali.

«Attualmente abbiamo operative dodici Unità Usca con postazioni distribuite sul territorio provinciale (Albino, Grumello, Lovere, Gromo, Bonate, Treviglio, Calusco, Caravaggio, Bergamo, Zogno, S. Omobono, Alta Valle Brembana). Il servizio è al momento attivo dalle 9.00 alle 15.00, ma da dicembre coprirà la fascia 9-19 – spiega il dottor Marco Cremaschini, del dipartimento di Cure primarie di ATS di Bergamo –. Dalle rilevazioni del mese di ottobre le Usca hanno effettuato 213 visite mediche domiciliari e 478 tamponi domiciliari». Inoltre, in casi di emergenza per carenza di medici di famiglia, sono intervenute per garantire l’assistenza primaria effettuando centinaia di visite ambulatoriali e gestendo numerosi casi telefonicamente. Complessivamente il servizio nel mese di ottobre ha registrato 1.407 prestazioni.

L’attività delle Usca è in espansione non solo dal punto di vista numerico, ma anche in termini di possibilità di intervento. È infatti già avviata la collaborazione con gli infermieri di famiglia messi a disposizione dalla Asst Papa Giovanni XXIII per l’effettuazione di prestazioni infermieristiche e l’attività educazionale per la gestione dell’isolamento domiciliare, nonchè è in corso di attivazione l’inserimento di assistenti sociali per la valutazione di problematiche specifiche che necessitano l’integrazione con i servizi sociali comunali. Si tratta di un avvio iniziale sul Distretto di Bergamo che verrà poi esteso gradualmente su tutto il territorio provinciale.

Inoltre è prevista la collaborazione del Servizio Usca nell’ambito della Campagna vaccinale antinfluenzale e nell’ambito dell’attività di esecuzione di tamponi in punti tampone organizzati delle Asst. Dalla prossima settimana infine il servizio avrà in dotazione anche i tamponi antigenici rapidi, in grado di fornire un esito in 15-20 minuti, da effettuare per pazienti sintomatici al domicilio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA