Addio alla sosta gratis in centro Da domenica si paga, ecco le novità
Da domenica la sosta si paga in centro (Foto by foto Colleoni)

Addio alla sosta gratis in centro
Da domenica si paga, ecco le novità

Un migliaio gli stalli blu interessati dal provvedimento. Il ticket dalle 9 alle 19. Dopo toccherà ai residenti mettere mano al portafoglio per i permessi.

I due martelli incrociati non ci sono più. Occhio ai cartelli stradali dei parcheggi del centro: è sparito il simbolo che indica il pagamento della sosta solo nei giorni feriali, da lunedì a sabato. Da domenica si cambia e le strisce blu nella zona rossa della città si pagheranno anche nei giorni festivi. È il secondo step della «rivoluzione» della sosta messa a punto dalla Giunta Gori: una revisione complessiva a cui Palafrizzoni sta lavorando da un anno. A novembre è entrato in vigore il ritocco alle tariffe delle strisce blu, ora tocca al pagamento domenicale.

Tutto è pronto per domenica. Parchimetri e segnaletica sono stati adeguati nella zona rossa che corrisponde al centro cittadino: da piazza Matteotti a viale Papa Giovanni, da via Moroni a Largo Belotti, da via Scotti a via Masone. Un migliaio gli stalli blu interessati su un totale di circa duemila presenti in città. La tariffa sarà la stessa dei feriali (due euro all’ora) e gli orari pure: si pagherà dalle 9 alle 19 con sosta massima consentita di due ore. «È un tentativo – spiega l’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni – di contrastare l’utilizzo del mezzo privato, rendere più convenienti il mezzo pubblico e incentivare la sosta nei parcheggi in struttura».

E dopo i ritocchi ai prezzi dei parcheggi e la sosta a pagamento la domenica, toccherà ai residenti mettere mano al portafoglio per i permessi. Tre le tariffe previste a seconda delle fasce: si pagherà 120 euro all’anno nella zona rossa che coincide con il centro e Città Alta, 90 euro nella zona arancio (la cintura attorno al centro) e 60 in quella gialla (che riguarda alcuni quartieri, per esempio San Paolo e la Malpensata).Il provvedimento scatterà entro fine mese, massimo febbraio e si procederà gradualmente.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 13 gennaio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA