Al Pesenti la maturità è un miraggio Uno studente su quattro non ammesso

Al Pesenti la maturità è un miraggio
Uno studente su quattro non ammesso

Che non sia una passeggiata era già noto, ma i dati lo confermano. Il quinto anno del liceo ha riservato spiacevoli sorprese agli studenti bergamaschi. La maglia nera spetta al Pesenti, dove uno studente di quinta su quattro dovrà ripetere l’anno: 29 su 120.

La vera «classifica» si avrà solo tra qualche giorno, quando sarà possibile pubblicare tutti i risultati di tutti gli Istituti cittadini che integreranno quelli di questa prima tranche. Pochi giorni ancora e 19.552 studenti bergamaschi affronteranno l’esame di Stato: mercoledì 22 tutti di nuovo a scuola per la prima prova di italiano, mercoledì 23 la seconda prova «di indirizzo», lunedì 27 il quizzone su diverse materie studiato dalle singole commissioni d’esame. E poi via con le prove orali. Prima delle prove però i ragazzi hanno dovuto superare un ultimo scoglio, quello degli scrutini di fine anno, che anche quest’anno riservano qualche sorpresa, a iniziare proprio dal Pesenti.

Possono essere felici invece gli studenti di Sarpi, Sant’Alessandro, Mascheroni e Vittorio Emanuele: tutti ammessi all’esame finale. Per i primi due licei una conferma rispetto ai risultati degli anni scorsi, mentre per gli altri istituti quasi una sorpresa, in particolare per il Vittorio Emanuele che due anni fa aveva fatto registrare la percentuale di non ammessi più alta rispetto a tutte le scuole cittadine. Al Secco Suardo la percentuale dei non ammessi si ferma all’1,34%, mentre al Lussana i professori sono stati un po’ più severi rispetto agli anni scorsi: i tabelloni di quest’anno fanno segnare una percentuale di non ammessi agli esami di Maturità che si attesta sull’1,50 (cinque studenti su 333), mentre negli ultimi due anni rasentava lo zero.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 18 giugno 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA