Telecamere per Città Alta e non solo Attive, ma (per ora) senza multe

Telecamere per Città Alta e non solo
Attive, ma (per ora) senza multe

Ddisplay allestito in via Castagneta, dove una volta c’era il dissuasore mobile che impediva l’accesso a Città Alta. Ma attenzione: le telecamere non sono ancora attive, dunque nessuna sanzione in arrivo per chi, in modo lecito o meno, è passato dai varchi che portano dentro le Mura.

Mentre sulle vie di accesso più periferiche e impervie (soprattutto sui Colli), la scritta «Ztl Attiva» era già impressa sui display nuovi di zecca, sulla più battuta, cioè viale Vittorio Emanuele, l’accesso domenica 5 giugno era completamente libero. Il display, posizionato sul lato opposto alla stazione della funicolare, era spento. C’era la transenna a segnalare gli orari di chiusura di Città Alta, ma i vigili, poco dopo le 14, con la riattivazione della Ztl, non c’erano. Nessun problema dunque per i furbetti ad entrare indisturbati proprio dall’ingresso principale.

Anche in via Sant’Alessandro la situazione era normata a metà. Mentre su via Botta il display era già attivo, con gli orari di accesso segnalati, su tutta via Sant’Alessandro, accedendo da via Garibaldi, non c’era ancora traccia di telecamere o display. Persino all’imbocco con via Tre Armi (ai piedi di Porta San Giacomo) nessun ostacolo alla facile risalita dentro i bastioni.

«Siamo ancora in fase di allestimento, ma sono restio al messaggio “prove tecniche” sui display – spiega Stefano Zenoni, assessore alla Mobilità -. Dove sono stati installati, abbiamo deciso di riportare da subito l’informazione corretta, per cercare di abituare i cittadini. Il display per ora fa anche da deterrente, segnalando in modo molto visibile la Ztl che in ogni caso, con o senza telecamere, è attiva». Per arrivare all’accensione effettiva, con le multe, per intenderci, dovrà aspettare ancora un po’. « Le autorizzazioni sono molto complesse, non capita tutti i giorni che si avvii un progetto da 14 telecamere, non è una passeggiata. Nei prossimi giorni cercheremo comunque di interloquire con il ministero, i tempi di accensione li aggiorneremo strada facendo».

Certo è che prima della fase sanzionatoria ci sarà un test di circa 30 giorni. È invece già tutto pronto invece, per l’accensione effettiva nei varchi di via Pignolo (con display funzionante su via Pelabrocco), Porta Garibaldi (con display e telecamere già installate su via Maironi da Ponte), Castagneta e Borgo Canale, una volta regolamentate dai dissuasori mobili. Ma fino a quando gli occhi elettronici non si accenderanno, sarà vita facile per tutti furbetti delle Ztl. A meno che, dietro l’angolo,non ci sia ad spettarli una pattuglia della polizia locale.

Tutti gli approfondimenti su L’Eco di Bergamo del 6 giugno


© RIPRODUZIONE RISERVATA