Alessandro, morto sul lavoro a Milano Sospesa la cremazione del 28enne
Alessandro Vezzoli

Alessandro, morto sul lavoro a Milano
Sospesa la cremazione del 28enne

Il muratore di Romano era rimasto vittima di un infortunio il 9 agosto. Martedì 20 l’addio, ma la Procura del capoluogo ha disposto nuovi accertamenti.

Alla lunga e struggente attesa per poter celebrare martedì 20 agosto in mattinata il funerale del loro caro, ora ai familiari di Alessandro Vezzoli, muratore ventottenne di Romano deceduto il 9 agosto per i traumi riportati in un incidente sul lavoro, si aggiungerà un’altra dolorosa attesa prima di riavere le ceneri e tumularle.

Ieri, proprio mentre era in corso la cerimonia funebre, dalla Procura di Milano è giunta la disposizione di non procedere alla cremazione della salma di Alessandro, prima di nuove indicazioni. Al termine della toccante e partecipata funzione religiosa, il feretro con le spoglie di Alessandro Vezzoli è stato così accompagnato al Tempio crematorio di Brescia e messo nuovamente a disposizione dell’autorità giudiziaria, che ha disposto ulteriori accertamenti sulla salma.

Una decisione che rende ancora più penosa l’attesa dei genitori Giuliano e Vesna, dei fratelli gemelli di Alessandro, Thomas e Davide, della fidanzata Andrea. Il giovane romanese era rimasto vittima di un infortunio sul lavoro lo scorso 8 agosto ed era deceduto all’ospedale Niguarda di Milano il giorno seguente: un tondino di ferro, piombato dal piano superiore, lo aveva trapassato alla testa mentre si trovava al sesto livello interrato di un garage milanese della zona Washington.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 21 agosto 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA