All’asta le corde dell’abbraccio Obiettivo: finanziare i sentieri

All’asta le corde dell’abbraccio
Obiettivo: finanziare i sentieri

Gara di solidarietà per reperire risorse da destinare a interventi sui percorsi delle Orobie.

L’obiettivo è raccogliere risorse da destinare ai sentieri, a quella rete capillare che attraversa e unisce tutta la provincia e la comunità bergamasca. A pensarla la cabina di regia della Cordata della Presolana, che con offerta minima fissata a 50 e 60 euro, a seconda dei materiali, ha messo in vendita, se così si può dire, le corde utilizzate il 9 luglio scorso. Sono tutte firmate Kong e in ottimo stato; si tratta di 300 fra mezze corde e corde intere, come si dice in gergo. Le prime hanno una «base d’asta» di 50 euro (lunghezza 60 m, diametro 8.2 mm, peso: 45 g/mm) e sono ideali per arrampicata ed alpinismo, mentre le seconde sono offerte a partire da 60 euro (lunghezza 70 m, diametro 9.8 mm, peso: 64 g/mm) e sono più indicate per un utilizzo in falesia. A queste, di tipo dinamico, si aggiungono poi altri 2 mila metri di corda statica, più adatta a terreni speleologici o a lavori fissi in parete.

Oltre un centinaio ad oggi le corde assegnate, con un incasso per il Cai compreso fra i 7.500 e gli 8 mila euro. Tanto ma non certo sufficiente per dar forma alle idee o sogni che il Cai ha in serbo. Da aggiungere i contributi dei singoli (in un gesto di generosità che vuole rimanere anonimo, assegnata una corda con contributo di 500). Conto intestato della sezione del Cai di Bergamo, tramite bonifico all’Iban: IT25I0311111101000000040138 – Ubi Banca sede di Bergamo). Sarà un modo per portarsi a casa un «pezzo» di cordata, in omaggio alla memoria. Ma anche l’occasione per sostenere quel patrimonio comune che si chiama Orobie.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 10 ottobre

© RIPRODUZIONE RISERVATA