«Basta genitori ultrà sulle tribune» Ecco la carta dei doveri delle società

«Basta genitori ultrà sulle tribune»
Ecco la carta dei doveri delle società

«Non ascoltare il tuo mister, mettiti a destra invece che a sinistra!»: non è il vice allenatore a parlare, ma uno dei padri dei numerosi ragazzini che sui campi di basket, pallavolo, calcio e tanti altri sport giocano e si divertono.

Solo in teoria però, perché da recenti studi è emerso che entro i 14 anni la maggior parte degli sportivi abbandona l’attività per le pressioni esercitate dai loro primi tifosi, i genitori. Sentendosi giudicati e appesantiti da aspettative più grandi dei loro 13 anni, i giovani non praticano più sport e il Panathlon di Bergamo, che si propone di difendere e divulgare i valori dello sport, ha promulgato la Carta dei doveri del genitore nello sport, firmata ieri mattina nella sala Galmozzi. Ventisei le società e associazioni sportive tra atletica, ciclismo, basket, pallavolo e calcio che hanno sottoscritto la carta: dall’Excelsior all’AlbinoLeffe e l’Atalanta, con il responsabile del settore giovanile del club seriano Paolo Zirafa e il coordinatore dell’attività agonistica del settore giovanile nerazzurro Giancarlo Finardi. Dieci punti, che non devono restare solo affermazioni su carta. L’intero decalogo su L’Eco di Bergamo in edicola.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 16 settembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA