Giro di vite in  Facebook? In arrivo l’opzione anti-bufale

Giro di vite in Facebook?
In arrivo l’opzione anti-bufale

Basta bufale su Facebook: in America stanno testando una nuova funzione che permette di indicare i contenuti non veritieri per ridurre la loro circolazione sul social network. Che ne pensi?

Del resto le bufale online sono sempre più una costante e Facebook non ne vuole più sapere: in un post pubblicato la società di Menlo Park ha annunciato un’importante novità nella gestione delle news sul suo network. Tra le opzioni offerte agli utenti per segnalare un contenuto sgradito, sarà aggiunta anche quella riservata alle notizie false. Man mano che le segnalazioni relative a una news aumenteranno, questa inizierà a comparire con meno insistenza sulle bacheche degli utenti. Inoltre, nella parte alta della notizia sarà aggiunta la frase: «Many people on Facebook have reported that this story contains false information» («Secondo molte persone su Facebook questa storia contiene informazioni false»).

La nuova funzione non è disponibile sul social italiano, ma è solo in test su quello americano, con diversi dibattiti sorti online sul potere e l’efficacia di questo servizio anti-bufala. Tu cosa ne pensi? Sicuramente si tratta di un modo da limitare gli abusi. La segnalazione antibufala infatti non passa per un moderatore, né provoca l’innescarsi di una procedura per sanzione, cancellazione del singolo contenuto o chiusura della pagina che ha pubblicato il testo segnalato: imposta però i settaggi del profilo in modo da impedire alla pagina segnalata e quella da questa citata in link esterno di comparire ulteriormente sul profilo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA