Bergamo, Dalmine, Treviolo e Levate «Sacbo, confrontiamoci su sicurezza»

Bergamo, Dalmine, Treviolo e Levate
«Sacbo, confrontiamoci su sicurezza»

Dopo l’appello di 12 sindaci dell’hinterland sull’incidente del cargo a Orio, arriva anche una nota dei sindaci di Bergamo, Dalmine, Treviolo e Levate, membri del Tavolo sull’aeroporto.

Ecco il documento firmato dal sindaco di Bergamo, Dalmine, Levate e Treviolo: «I sottoscritti, sindaci dei Comuni di Bergamo, Dalmine, Levate e Treviolo, membri del Tavolo dei sindaci aeroportuali, desiderano prendere spunto dall’incidente avvenuto la notte del 5 agosto, fortunatamente senza conseguenze, per chiedere a Sacbo di confrontarsi quanto prima con le Amministrazioni dell’intorno aeroportuale sul tema complessivo della sicurezza dello scalo di Orio al Serio. Sentiamo infatti la necessità, nell’interesse dei nostri concittadini, di essere messi a conoscenza dei dispositivi e delle procedure adottati dalla Direzione dell’aeroporto per assicurare la massima sicurezza dei passeggeri e delle popolazioni che vivono nelle vicinanze dello scalo, soprattutto in ragione del contesto fortemente antropizzato in cui è collocato l’aeroporto bergamasco».

«In particolare, desideriamo conoscere come si intenda evitare che un episodio come quello del 5 agosto - quando un aeromobile in atterraggio ha concluso la sua corsa ben oltre i limiti del sedime aeroportuale - abbia a ripetersi, ovvero quali dispositivi si intendano adottare per neutralizzare il rischio di “overrun”, assicurando la piena sicurezza di persone e cose anche in tale pur remota (ma possibile, come si è visto) eventualità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA