Bergamo, due lutti nella famiglia Rolla In 24 ore morti nipote e zio
Daniela Rolla

Bergamo, due lutti nella famiglia Rolla
In 24 ore morti nipote e zio

Due lutti in sole 24 ore. È successo alla famiglia Rolla, di Bergamo, che ha perso prima Daniela, per 20 anni insegnante al liceo «Secco Suardo» di via Angelo Mai, e poi Gianfranco, che fu medico condotto conosciuto e stimato in città.

Daniela Rolla si è spenta sabato mattina, a seguito di una malattia. Il padre Gian Pasquale, scomparso ormai alcuni anni fa, dagli anni Cinquanta in avanti aveva gestito la storica farmacia Rolla in largo Cinque vie, attualmente condotta dai figli Marily e Fabio, fratelli di Daniela, che invece aveva intrapreso la strada dell’insegnamento. Daniela era biologa, laureata a Pavia, e per un ventennio è stata apprezzata docente al liceo «Secco Suardo». Avrebbe compiuto 65 anni il prossimo dicembre, ma nella primavera 2013 era stata costretta a lasciare l’insegnamento a causa della malattia. Colleghi e studenti all’unisono concordano sulle doti di umanità, autorevolezza e disponibilità della professoressa.

«Era preparata, decisa, estremamente accogliente con gli studenti – ricorda Alessandra Bizzini, vicepreside – attenta al più bravo ma anche agli studenti con problemi». Laura Colombo, collega e docente di inglese, sottolinea i tanti rapporti costruiti nella scuola: «Ha fatto un percorso esemplare di accettazione della malattia, lottando tantissimo, e non si è mai lamentata».

«Molto discreta, non perdeva tempo nel parlare ma era molto presente nelle nostre vite – ricorda Giulia Callea, sua ex alunna –. Sapevamo che c’era sempre, se avevi bisogno di lei». Una delle passioni di Daniela Rolla, oltre alla scuola, era il bridge. Faceva parte della Federazione Bergamasca Bridge, ed era una abilissima giocatrice.

I funerali si terranno martedì nella chiesa parrocchiale di Loreto alle 14,30. Nello stesso giorno, alle 10, al Tempio Votivo di via Statuto, verranno invece celebrati i funerali di Giancarlo Rolla, lo zio di Daniela, che si è spento a sole 24 ore di distanza, domenica mattina. Aveva 89 anni e abitava in via Nullo. Fino ai 70 anni aveva esercitato come medico condotto e come anestesista alla clinica San Francesco.


© RIPRODUZIONE RISERVATA