Bergamo nella top 10 dei comuni social  Il post sulle Mura Venete tra i più cliccati

Bergamo nella top 10 dei comuni social
Il post sulle Mura Venete tra i più cliccati

Il Comune di Bergamo nella top 10 delle città italiane con la comunicazione social più efficace.

Bergamo è nella top10 delle città italiane più efficaci nella comunicazione su Facebook: lo stabilisce un’indagine di Twig, agenzia specializzata, tra le altre cose, nel monitorare il web e i suoi movimenti.

Ad oggi, l’85% dei capoluoghi di provincia italiani gestisce un account su almeno uno dei principali social network. Tra i social media, il preferito dal 79% delle pubbliche amministrazioni è Facebook, subito seguito da Twitter (72%). Meno utilizzato Instagram, su cui risultano presenti solo il 37% delle amministrazioni.

Facebook è scelto soprattutto dalle amministrazioni del Centro Nord, mentre si registra una presenza minore nella zona meridionale della penisola. A fare la differenza è anche la grandezza dei capoluoghi: possiedono una pagina Facebook il 91% delle grandi città (più di 120 mila abitanti), l’84% di quelle medie (tra i 70 e i 120 mila abitanti) e solo il 65% delle piccole (meno di 70 mila abitanti).

Per quanto riguarda la comunicazione più efficace, calcolata in base alle interazioni, alla crescita settimanale dei fan e alla fan-base, al primo posto si trova Bologna. Poi Modena, Rimini, Firenze, Torino, Roma, Milano, Pescara, Crotone e Bergamo. Bergamo compare anche nella classifica dei post migliori dell’ultimo anno, grazie a quello postato per comunicare l’avvenuta inclusione delle Mura di Città Alta tra i beni patrimonio mondiale Unesco.

Il Comune di Bergamo, negli ultimi tre anni, ha aperto account ufficiali – oltre a Facebook – su Twitter, Telegram, Instagram e Medium, moltiplicando la propria presenza sul web, nel tentativo di svecchiare le proprie comunicazione e interazione con i cittadini. Il lavoro di Palazzo Frizzoni ora si sta concentrando sulla costruzione del nuovo sito web, che dovrebbe essere online entro l’estate 2018.


© RIPRODUZIONE RISERVATA