Bergamo Wifi compie due anni e si regala un sito nuovo di zecca

Bergamo Wifi compie due anni
e si regala un sito nuovo di zecca

Angeloni: «In due anni BergamoWifi ha cambiato molte della abitudini dei nostri concittadini ed è riuscito a registrare numeri altissimi»

Un nuovo sito per il BergamoWifi, il wifi pubblico gratuito del Comune di Bergamo: si festeggia così il secondo compleanno del servizio, avviato dall’Amministrazione Gori alla fine di maggio 2015 in occasione di Expo 2015 Milano. Il sito web consente di ottenere tutte le informazioni e gli aggiornamenti utili all’utenza: il progetto, l’estensione dell’area coperta dal wifi, le linee guida del sistema, ma anche tutte le news, le novità, le estensioni, gli ampliamenti trovano spazio nella nuova pagina web realizzata dal Comune di Bergamo su una piattaforma fornita dalla ditta «Progetti d’Impresa».

È possibile conoscere l’esatta ubicazione di ognuno dei quasi 120 hotspot del BergamoWifi attraverso una mappa semplice e di facilissima consultazione (realizzata con Google Maps), ma soprattutto ogni cittadino potrà conoscere i numeri del servizio in tempo reale, grazie a una sezione che si aggiorna ogni trenta minuti e nella quale sono disponibili i numeri relativi agli utenti connessi, alla durata di connessione dei dispositivi, il traffico generato, il numero di utenti stranieri e la loro nazionalità.

pannelli pubblicitari a bergamo wifi collegamento internet

pannelli pubblicitari a bergamo wifi collegamento internet
(Foto by Yuri Colleoni)

«In due anni BergamoWifi ha cambiato molte della abitudini dei nostri concittadini – spiega l’assessore all’Innovazione del Comune di Bergamo Giacomo Angeloni – ed è riuscito a registrare numeri altissimi, a dimostrazione dell’alto standard qualitativo offerto dal servizio. Bergamo è modello in Italia per tutte le città che vogliono sviluppare sistemi wifi pubblici. Il nuovo sito rispecchia in pieno la filosofia degli opendata, ovvero tutti quei dati della pubblica amministrazione che intendiamo “liberare” e rendere facilmente consultabili dal cittadino».


© RIPRODUZIONE RISERVATA