Bonus da 1.000 euro per il Nido Soldi  solo per un terzo dei nati
Bambini in un asilo nido: in arrivo contributi per le famiglie

Bonus da 1.000 euro per il Nido
Soldi solo per un terzo dei nati

Dal 17 luglio fino a fine anno le famiglie possono inoltrare la domanda all’Inps
Verrà seguito l’ordine di presentazione della richiesta.

É in arrivo il bonus per gli asili nido: l’Inps ha diramato la circolare che disciplina l’intervento a sostegno dei più piccoli, con una somma pari a 1.000 euro annuali per ciascun figlio. I nuclei familiari avranno tempo dal 17 luglio e fino a fine anno per consegnare le richieste, ma resta il dubbio sull’effettiva copertura per tutti i bebè. Da Roma, infatti, per il 2016 sono stati stanziati 144 milioni di euro (fino a esaurimento) per cui è attesa una corsa al bonus, del quale dovrebbero riuscire a usufruire 144 mila bambini, un terzo dei nati in un anno in Italia.

Sono potenzialmente oltre 9 mila i bambini bergamaschi per i quali (qualora venissero iscritti negli asili nido), le famiglie potrebbero presentare richiesta per accedere al sostegno economico. Secondo i dai demografici relativi al 2016 i bambini venuti alla luce nella provincia sono stati per la precisione 9.084. A questi si devono aggiungere anche i bimbi adottati e in affidamento preadottivo. Lo scorso anno, i bambini iscritti ai nidi risultavano 5.271, un dato in crescita rispetto ai 4.981 del 2011. Tanti sono, dunque, i piccoli utenti dei 166 nidi attualmente presenti sul territorio provinciale, dei 30 micronidi e dei 19 nidi famiglia. I mille euro annuali verranno erogati in undici mensilità, con rate da 90,9 euro. La somma verrà versata alle famiglie fino al compimento dei tre anni di età del bambino iscritto a un nido privato o pubblico.

L’unico limite della misura sta nella copertura: per il 2017, infatti, sono stati messi a disposizione al massimo 144 milioni di euro. Importo che salirà, poi, nei prossimi anni: 250 milioni di euro previsti per il 2018, 300 milioni per il 2019 e 330 milioni di euro annui a decorrere dal 2020. Poiché sarà seguito l’ordine di presentazione telematica della domanda, ci si aspetta una corsa al bonus. Che, come specifica l’Inps, non è cumulabile con la detrazione fiscale sulle spese per l’iscrizione agli asili, né con i voucher asili nido o baby-sitting.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 25 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA