Bossetti, due nuovi consulenti «Dimostreremo che è innocente»

Bossetti, due nuovi consulenti
«Dimostreremo che è innocente»

La madre e la sorella di Massimo Bossetti, condannato in primo grado all’ergastolo per l’omicidio di Yara Gambirasio, hanno avviato un’indagine alternativa.

Lo riferisce il settimanale Oggi che nel numero in edicola da mercoledì 5 ottobre pubblica l’intervista a uno dei professionisti incaricati di trovare elementi per far riaprire la fase dibattimentale presso la Corte d’Assise d’Appello di Brescia: «Su un punto siamo in disaccordo con i difensori: riteniamo che il Dna di Ignoto 1 trovato sugli slip e i leggins della vittima sia probabilmente di Bossetti… ma abbiamo trovato riscontri molto forti su una possibile contaminazione».

Laura Bossetti, sorella di Massimo

Laura Bossetti, sorella di Massimo

C’è dunque una pista alternativa? «Dimostreremo che Massimo è innocente perché altri avevano più opportunità, più moventi e più ragioni per commettere un delitto così atroce… Abbiamo già molti riscontri che ci dimostrano la validità della nostra pista… Confidiamo nel fatto che al momento opportuno il Procuratore capo di Bergamo non si tirerà indietro per verificare il nostro lavoro e consegnare alla giustizia il vero colpevole».

Ester Arzuffi, mamma di Massimo Bossetti

Ester Arzuffi, mamma di Massimo Bossetti


© RIPRODUZIONE RISERVATA