Cade nel lago, salvo. La mamma: grazie E Assane parla dei compagni - video
Assane al centro, tra la mamma e il fratello

Cade nel lago, salvo. La mamma: grazie
E Assane parla dei compagni - video

«Grazie, a tutti: da chi l’ha raccolto sul fondo del lago fino ai tanti medici e infermieri che l’hanno curato. Grazie a chi ha pregato e ci è stato vicino: grazie a tutti loro oggi mio figlio è qui, sano e salvo». Così mamma Amy, martedì 2 agosto all’ospedale Papa Giovanni dov’è stato raccontato il «caso eccezionale» di suo figlio Assane Diop, ha parlato ai giornalisti.

Assane ha 13 anni e il 7 luglio ha rischiato di annegare nel lago a Sarnico: è rimasto per 15 minuti sul fondo del Sebino, poi per 40 minuti gli uomini del 118 l’hanno rianimato fino a quando il piccolo cuore ha ricominciato a battere. Poi il volo all’ospedale di Bergamo, dove Assane è rimasto fino a pochi giorni fa, quando è stato dimesso. Senza nessun danno fisico.

«Esperienza, tecnologia e tenacia: così abbiamo salvato Assane, che dopo un po’ di riabilitazione potrà tornare a giocare a calcio. Potrà tornare alla sua vita di prima» ha detto il direttore generale del Papa Giovanni Carlo Nicora.

Sorridente Assane, circondato dal calore della sua famiglia che era presente alla conferenza stampa organizzata in ospedale: «Sto bene - ha detto -. E voglio ringraziare tutti, in particolare i miei amici di scuola».


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 3 agosto

© RIPRODUZIONE RISERVATA