Caos dati e polemiche su zona rossa Fontana: «Non è un errore nostro»

Caos dati e polemiche su zona rossa
Fontana: «Non è un errore nostro»

Sabato 23 gennaio il presidente Attilio Fontana e la vicepresidente Letizia Moratti hanno annunciato anche che non ritireranno il ricorso al Tar.

Dopo le polemiche a seguito dell’errata comunicazione dei dati lombardi sulla diffusione del contagio di Covid-19 che hanno fatto entrare la Lombardia una settimana in zona rossa per errore. Il presidente della Regione Attilio Fontana e la vicepresidente Letizia Moratti hanno indetto una conferenza stampa a Palazzo Lombardia.

«Se da domenica la Lombardia tornerà arancione lo deve esclusivamente al fatto che noi abbiamo contestato i conteggi del governo»: lo ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana. «Sono indignato da quello che leggo e dalle false notizie offensive per la Lombardia e per le persone che ci lavorano».

«Pretendiamo che la verità dei fatti venga acclarata e chiarita una volta per tutte in maniera chiara, se c’è un errore non è un errore nostro. Non rinunciamo al ricorso al tar che verrà anzi allargato». Ha continuato il presidente.

«I tecnici dell’Istituto superiore della sanità parlando con l’assessorato regionale al Welfare ci chiesero di valorizzare, implementare alcuni dati. Non abbiamo mai sbagliato a dare i nostri dati, non abbiamo mai rettificato i nostri dati».

Qui la posizione del Istituto superiore di Sanità.

Guarda la conferenza stampa qui


© RIPRODUZIONE RISERVATA