Carte di credito, occhio al codice CVV I consigli della Polizia per evitare truffe

Carte di credito, occhio al codice CVV
I consigli della Polizia per evitare truffe

Codici, codicilli, password e numeri stampati. Le carte di credito sono un oggetto molto comodo, perché permettono di non viaggiare con troppi contanti nel portafoglio, ma non sono immuni da truffe.

Agente Lisa, la pagina Facebook della Polizia di Stato che attraverso il social network dà consigli ai cittadini per garantire la loro sicurezza, ha pubblicato un semplice metodo per evitare di essere truffati attraverso la carta di credito. Bisogna prestare molta attenzione al codice CVV.

«Fino ad oggi avrete sentito parlare di carte di credito clonate ma oggi vi parlo di un altro modo per truffare sempre con carte di credito. Avete presente quella sfilza di numeri sovrimpressi sulla vostra carta? Quelli identificano la carta e il titolare perché ci sono anche nome e cognome, ma se volete acquistare via internet avete bisogno anche del codice di sicurezza CVV.

Sono tre numeri impressi sul retro della carta. E qui i truffatori entrano in azione, perché se riescono in qualche modo a carpirvi il numero della carta e il CVV poi riescono a fare acquisti ONLINE a nome vostro e anche a pagarsi soggiorni in hotel.

Esattamente come è successo ad Ischia nei giorni scorsi dove i poliziotti del commissariato hanno fermato diversi truffatori che stavano godendosi vacanze a sbafo alle spalle dei truffati che non immaginavano lontanamente tutto quello che stava accadendo. Per fortuna, o meglio, grazie ad uno dei truffati che aveva attivato sulla sua carta presso la banca le notifiche via sms di ogni operazione è stato possibile scoprire quanto stava accadendo e fermarli. C’è da dire che anche la direzione di un albergo ha contribuito a smascherare i truffatori perché si è insospettita quando a distanza di poche ore si sono presentate prima una coppia e poi tre ragazze con dei soggiorni prepagati. Una chiamata al commissariato e i pezzi del puzzle si sono incastrati.

Quindi vi consiglio di attivare le notifiche via sms sulla carta anche per piccoli importi e poi, se vi va, fate come me che per evitare che qualcuno carpisca i numeri quando faccio acquisti non online ho messo sopra al CVV una piccola etichetta adesiva e memorizzato altrove i numeri come ho fatto per il pin del bancomat!».


© RIPRODUZIONE RISERVATA