Case occupate alla Celadina Enel e vigili staccano la corrente
La polizia locale di fronte alla palazzina alla Celadina

Case occupate alla Celadina
Enel e vigili staccano la corrente

Tolti i contatori a causa degli allacci abusivi ritenuti pericolosi. Gandi: «Un atto dovuto». Il comitato: «Noi qui siamo e qui vogliamo restare».

Gli agenti della Polizia locale si sono presentati martedì 6 agosto alla porta della palazzina di via Monte Grigna 11, alla Celadina, intorno alle 8. Con loro i tecnici dell’Enel che hanno raggiunto in pochi minuti i contatori e staccato la corrente. Gli allacci erano abusivi, come da oltre cinque anni è abusiva l’occupazione dello stabile. Un palazzo comunale, fino ad allora in stato di abbandono, diventato la casa di molte famiglie aiutate dal Comitato lotta per la casa. Anche ieri nel condominio era presente una famiglia di origine indiana con due minori oltre ad altre persone che abitano in alcuni dei dodici appartamenti.

Nessuno è stato allontanato con la forza, ma l’assenza di energia elettrica li costringerà a trovare un’altra sistemazione. Gli agenti hanno offerto una soluzione temporanea alla famiglia, ma è stata rifiutata.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 7 agosto 2019

© RIPRODUZIONE RISERVATA