C’è chi paga per studiare il greco antico A ottobre via ai corsi anche a Bergamo

C’è chi paga per studiare il greco antico
A ottobre via ai corsi anche a Bergamo

Sono classicisti di ritorno, la richiesta aumenta perchè non c’è solo grammatica e regole da imparare a memoria.

Conoscere il greco, il latino e le civiltà antiche serve. Non per sfoggiare una cultura per pochi, assolutamente no! Ma per essere degli esseri umani e non delle macchine specializzate». La frase del grande storico e meridionalista Gaetano Salvemini può essere considerata il motto di Athena Nova, Centro culturale per la divulgazione delle lingue e delle civiltà antiche, che organizza corsi di lingua (e storia e civiltà) greca e latina antica, a pagamento, per tutti. Da martedì 2 ottobre i corsi partiranno anche a Bergamo (dopo Milano). Martedì 18 settembre, ore 19,30, ci sarà un incontro di presentazione presso la sede, gratuito e senza impegno. Chi volesse partecipare è invitato a registrarsi sul sito (athenanova.it).

Athena Nova, spiega il suo fondatore, Fabio Còpani, «è l’evoluzione di un sito (CorsiGrecoAntico.it) che nel 2017 ha convinto moltissime persone (adulti e appassionati di ogni età) a iscriversi a un corso di greco». Quando si poteva impararlo a scuola era una scocciatura da evitare. Ora, molti degli allievi sono classicisti «di ritorno», cui è rimasto il desiderio di riprendere gli studi classici. «Ci teniamo molto a sottolineare questa apparente contraddizione tra antico e moderno: Athena Nova nasce dai corsi on line, che l’anno scorso hanno avuto un grande successo, più che confermato dalle iscrizioni di quest’anno. Inoltre abbiamo un programma di innovazione culturale (Athena è, appunto, “nova”) perché vogliamo cambiare l’immagine degli studi classici: non grammatica e regole da imparare e applicare meccanicamente, ma uso del latino e del greco come mezzi di comunicazione, imparati con i metodi di apprendimento delle lingue vive, per entrare in contatto diretto con gli antichi».


Leggi di più acquistando a 0.99 euro la copia digitale del 15 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA