Chi si rivede, Porta Sud Ma in versione «dimagrita»

Chi si rivede, Porta Sud
Ma in versione «dimagrita»

A giorni la firma per il recupero dell’area a Sud della stazione, ma con meno volumetrie.

Il protocollo d’intesa per la riqualificazione dell’area a sud dei binari a Bergamo è alle battute finali. Un «patto» a tre - Palafrizzoni, Sistemi Urbani e Rfi - per rilanciare quel piano che nella versione originaria (risalente al 2004) è noto come Porta Sud. Il nome resta, anche se i contenuti sono stati fortemente rivisti, «per renderli meno faraonici e più realistici», come spiega il sindaco Giorgio Gori.

In soldoni, meno costruzioni e quindi meno investimenti necessari. In pratica non si tratta di realizzare il terzo centro della città ma «ricucire la frattura tra le aree a sud e il resto del territorio cittadino», con un mix di funzioni (residenziali, commerciali e terziarie), ridotte nelle volumetrie (si parla di una sforbiciata rilevante ai 450 mila metri quadri previsti come edificabili dal Piano di governo del territorio).


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 22 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA