Nel furgone frigo 5 kg di cocaina Preso 35enne all’uscita del casello  A4
I panetti di cocaina rinvenuti sul furgone-frigo fermato all’uscita del casello autostradale di Bergamo

Nel furgone frigo 5 kg di cocaina
Preso 35enne all’uscita del casello A4

Scoperto durante un normale controllo anti-Covid dei Carabinieri di Bergamo all’uscita del casello autostradale di Bergamo.

Cinque chili di cocaina nascosti in un’intercapedine di un furgone-frigo: ieri sera, 19 gennaio, i Carabinieri di Bergamo hanno sorpreso durante un normale controllo anti Covid e poi arrestato un uomo di 35 anni all’uscita del casello autostradale, in possesso di un ingente quantitativo di droga.

I militari della Sezione Radiomobile dei Carabinieri di Bergamo, nel corso di un servizio di controllo del territorio volto al rispetto delle misure anti Covid, nei pressi dell’uscita del casello autostradale di Bergamo hanno fermato e sottoposto a controllo un furgone-frigo condotto da un 35enne originario dell’Albania, con diversi precedenti a suo carico. L’uomo, residente nella provincia di Lecco, si trovava fuori dal proprio Comune di residenza senza poter dare alcuna motivazione che legittimasse la sua presenza essendo il mezzo anche completamente scarico, aspetto che escludeva la possibilità di uno spostamento per motivi di lavoro. Il 35enne inoltre mostrava un particolare nervosismo che, unito ai suoi precedenti per droga, ha convinto i militari della necessità di procedere a una perquisizione.

L’uomo, in particolare, appariva molto preoccupato da un possibile controllo del vano di carico, nonostante si presentasse apparentemente vuoto. Infatti vi era una sorpresa: grazie a una anomalia nell’intercapedine con la cabina guidatore si rinvenivano nella paratia ben cinque panetti da un chilo ciascuno di cocaina, perfettamente sigillati. Il 35enne è stato condotto in caserma ed è stato dichiarato in stato di arresto per detenzione illecita di sostanze stupefacenti e , su disposizione del pm di turno presso la Procura di Bergamo, è stato portato alla locale casa circondariale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA