Città Alta, riapre la fontana del Lantro Uno scrigno d’acqua in via Boccola

Città Alta, riapre la fontana del Lantro
Uno scrigno d’acqua in via Boccola

Venerdì 11 agosto riapre i battenti la Fontana del Lantro, sita in via Boccola in Città Alta, accanto alla chiesa di San Lorenzo. La riapertura sarà l’occasione per apprezzare la pavimentazione originaria e la struttura completamente ripulita, nonché il nuovo impianto di luci sommerse che renderanno ancora più suggestivo “l’antro dell’acqua”.

La Fontana del Lantro, risalente alla seconda metà del Cinquecento, è costituita da una grande cisterna in pietra capace alimentata dalle acque delle sorgenti cittadine del Lantro e di san Francesco. La fontana vanta origini più antiche, essendo citata per la prima volta in un documento risalente al 928, da cui si apprende l’etimologia del nome “Lantro”: antro dell’acqua. La fontana fornì acqua alla popolazione sino agli ultimi anni del 1800, quando entrò in funzione il nuovo acquedotto municipale; continuò invece ad essere utilizzata come lavatoio fino al 1950.

In seguito all’allagamento del giugno dello scorso anno si è reso necessario un intervento di pulizia: si è provveduto dunque a svuotare e ripulire le vasche, dotandole al tempo stesso di un nuovo e migliorato impianto di illuminazione sommersa.

La Fontana sarà aperta durante i seguenti orari (fino al 2 ottobre):

· lunedì e venerdì: 14,00-18,00

· sabato, domenica e festivi: 10,00-12,00 / 14,00-18,00

Le visite, libere e gratuite, verranno effettuate in gruppi di massimo 15 persone, e la visita dura 30 minuti. L’ingresso ai bambini è consentito purché accompagnati da adulti, mentre non è consentito l’ingresso con animali. Per la visita è necessario indossare calzature con suola in gomma anti-scivolo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA