Confronto macchina-treno? Chi va in auto spende tre volte di più

Confronto macchina-treno?
Chi va in auto spende tre volte di più

Vero che la vita del pendolare è dura, molto dura, ma c’è da dire che è più economica, molto più economica. Prendiamo un pendolare tipo che ogni giorno prende l’A4 da Bergamo a Milano e iniziamo a calcolare dei costi medi.

Ipotizziamo 50 chilometri di percorrenza media a tratta (quindi 100 andata e ritorno) e un’auto a benzina che faccia i 15 con un litro, ieri in vendita intorno a 1,5 euro. E solo sul versante dei puri consumi di combustibile fanno 10 euro tondi al giorno.

Poi c’è il pedaggio, decisamente variabile: da Bergamo all’area urbana di Milano (Cormano, come genericamente indicato nel sito di Autostrade per l’Italia) fanno 3,50 euro. Da moltiplicare per due se volete tornare a casa la sera, e fanno altri 7 euro. Ma se la zona di riferimento di Milano è quella Est (Cascina Gobba e dintorni, per chiarirci) la cifra sale a 4,10 euro sempre a tratta perché nel computo complessivo c’è pure il prezzo della Tangenziale , aumentato di 30 centesimi dal 1° gennaio scorso. E fanno quindi 8,20 euro.

Se poi la vostra destinazione è Milano Sud (sorvolando sui chilometri in più, ergo altri costi) e avete pure fretta, beh, non vi resta che la nuova Tangenziale esterna. Nuovissima, velocissima (non ci incontrate un cane, praticamente) e carissima: 9,90 euro a tratta. Se volete evitare la botta restate sulla vecchia Est che è meglio, tanto ci arrivate uguale. In coda ma ci arrivate.

Ora ci spostiamo sul fronte dei treni e prendiamo in considerazione l’abbonamento più vantaggioso per un pendolare, quel «Io viaggio ovunque in Lombardia» che già dal nome spiega tutto. In sostanza con un solo titolo di viaggio prendo il bus per arrivare in stazione, il treno per Milano e poi la metro o un altro bus per arrivare al posto di lavoro.

L’abbonamento costa 107 euro al mese: dividendo questa cifra per i suddetti 22 giorni lavorativi fanno 4,86 euro. Punto. Un terzo (e qualcosa) dell’ipotesi più vantaggiosa per il collega pendolare automunito.


Tutti i calcoli acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 19 aprile

© RIPRODUZIONE RISERVATA