Coronavirus, 25 i medici morti Addio al chirurgo Mario Rossi

Coronavirus, 25 i medici morti
Addio al chirurgo Mario Rossi

Bilancio terribile anche per gli infermieri: tra i decessi di oggi anche un’infermiera bergamasca.

Un lunghissimo elenco listato di nero, che nella giornata di giovedì 9 aprile ha superato quota 100: sono 105 i medici morti dall’inizio dell’epidemia di Covid-19. Erano nella maggior parte dei casi medici in attività, ma tra loro ci sono pure pensionati e camici bianchi in pensione richiamati in servizio o tornati volontariamente al lavoro per dare una mano in questa situazione di emergenza.

In Bergamasca sono 25 i camici bianchi deceduti a causa del coronavirus: nella giornata di oggi si è appreso anche della morte del chirurgo Mario Rossi, 76 anni, di Alzano Lombardo, avvenuta l’11 marzo ma comunicata il 9 aprile all’Ordine dei medici.

Un prezzo altissimo, come quello pagato dagli infermieri, tra i quali si contano 28 decessi: «Oggi ci è stato confermato il decesso di altre due infermiere impegnate sul campo contro il Covid-19, a Bergamo e Cremona» afferma la presidente della Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (Fnopi) Barbara Mangiacavalli. Aumentano pure i contagi: «Ne registriamo - rileva - tra 200 e 300 in più al giorno».

Ma tra chi è in prima linea per combattere il SarsCov2, nessuno è stato risparmiato: anche tra gli operatori del 118 si registrano 5 autisti-soccorritori ed un infermiere deceduti. In totale, gli operatori sanitari contagiati sono 12.681. Un bollettino di guerra, che non ammette giustificazioni.


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de «L’Eco di Bergamo» in edicola il 10 aprile 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA