Dai fondi del caffè il biogas  Trasformare gli scarti in energia

Dai fondi del caffè il biogas
Trasformare gli scarti in energia

Un settore in espansione in Bergamasca, con un nuovo approccio «green». La soluzione di Ivs trasforma gli scarti in energia.

Bergamo, provincia leader nel distretto dei distributori automatici. Non solo, le aziende della filiera del vending del nostro territorio sono anche «green», in prima linea per una distribuzione sempre più attenta alla sostenibilità e alla diffusione di corretti stili di alimentazione. Si va dal progetto lanciato da Serim Srl di Paladina, che prevede l’allestimento all’interno degli istituti superiori di un’apposita isola di ristoro dedicata al consumo di prodotti più sani e salutari, a quello di Ivs Italia Spa di Seriate che punta sulla raccolta dei fondi di caffè da destinare alla produzione di biogas: si moltiplicano gli esempi di buone prassi.

Di questo, ma più in generale della responsabilità sociale d’impresa per un vending sostenibile si è parlato ieri in Università nell’incontro organizzato da Confida-Associazione Italiana Distribuzione automatica, in collaborazione col dipartimento di Scienze Aziendali dell’Università di Bergamo e il Gitt, Centro per la gestione dell’innovazione e del trasferimento tecnologico. Tra aziende produttrici e gestori del vending sono 38 le realtà economiche del settore presenti in provincia con una ricaduta sull’occupazione di migliaia di posti e un giro d’affari annuo di 800 milioni di euro. Nel distretto bergamasco sono presenti anche aziende di accessori e servizi per il settore, dai sistemi di trattamento delle acque impiegate ai servizi informatici.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 14 novembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA