Dopo gli scontri arrivano i Daspo - Video E per i romanisti a rischio le trasferte

Dopo gli scontri arrivano i Daspo - Video
E per i romanisti a rischio le trasferte

Daspo, sicuramente, e forse anche il divieto di trasferta. Nel primo caso sono attese a breve, forse addirittura a ore, le decisioni della questura dopo gli scontri tra ultrà romanisti e Polizia al termine di Atalanta-Roma.

I video pubblicati dal sito internet de L’Eco non lasciano spazio ad interpretazioni: si vedono i «tifosi» giallorossi che tentano di uscire dalla zona di filtraggio, sotto la Curva Sud, armati di bastoni e spranghe. Solo l’intervento delle forze dell’ordine in assetto antisommossa riesce ad evitare il peggio. A poche decine di metri di distanza, infatti, erano presenti molti sostenitori dell’Atalanta che se ne sono stati in disparte senza reagire. Uno dei filmati si interrompe con l’esplosione di una bomba carta lanciata in strada, a poche decine di metri dalle case.

VIDEO

Cosa succede ora? Gli agenti della Digos hanno passato il lunedì davanti al computer per confrontare volti e segni caratteristici dei protagonisti degli scontri con le persone identificate, quasi 500, prima di essere rimesse sui pullman in direzione della Capitale. Per molti di loro ci sarà un Daspo, cioè il «Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive». Anche il 3 novembre a Vienna gli ultrà giallorossi si erano scontrati con gli avversari e con le forze dell’ordine. Ma sono i fatti di Bergamo che potrebbero convincere l’Osservatorio, lo stesso organo che ha dato il via libera alla presenza dei romanisti domenica scorsa, a vietare alcune delle prossime trasferte. Quella di Torino con la Juventus, ad esempio, potrebbe essere a rischio.


© RIPRODUZIONE RISERVATA