Dovete fare il passaporto? Addio file
Dall’11 gennaio la domanda solo online

Le file per la richiesta del passaporto da gennaio saranno solo un ricordo. La ricezione dei documenti sarà solo online.

Dovete fare il passaporto? Addio file Dall’11 gennaio la domanda solo online
Passaporti, ora la pratica si prenota online

A partire dall’11 gennaio 2016 infatti sia la Questura di Bergamo che e il Commissariato di Treviglio cambieranno la modalità per la ricezione dei documenti per il rilascio del passaporto, adottando a pieno e in modo esclusivo il servizio online «Agenda passaporto».

Il servizio già in uso - per la sola giornata di venerdì - verrà esteso a quattro giorni alla settimana per la Questura (lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 9 alle 13 e giovedì anche dalle 14 alle 16) e a sei giorni alla settimana per il Commissariato P.S. di Treviglio (dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12).

Il cittadino con questo servizio può richiedere il passaporto compilando la domanda direttamente sul web, registrandosi sul sito.

Il sistema permette di scegliere il luogo (questura o commissariato), il giorno e l’ora per la consegna della documentazione e per la rilevazione delle impronte digitali necessarie per il rilascio del passaporto elettronico.

Una volta conclusa l’operazione di inserimento dei dati, il programma rilascia la ricevuta della prenotazione con l’indicazione della documentazione da presentare.

Coloro che invece non dispongono di una connessione Internet, possono richiedere la prenotazione online attraverso i Comuni di residenza o le stazioni dei Carabinieri, portando al seguito un documento di riconoscimento e il codice fiscale.

Anche dopo aver fissato l’appuntamento è possibile cambiarlo sempre attraverso il sito, annullando quello precedente.

Dal mese di ottobre 2014 è attivo su scala nazionale il servizio a pagamento «Passaporto a domicilio» che permette ai cittadini che ne fanno richiesta di farsi recapitare il passaporto direttamente a casa. Il costo è di euro 8.20, da pagare in contrassegno all’incaricato di Poste Italiane al momento della consegna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA