Neve, strade scivolose e traffico lento Tutti i  consigli per evitare incidenti

Neve, strade scivolose e traffico lento
Tutti i consigli per evitare incidenti

Il traffico in tempo reale a Bergamo, l’appuntamento quotidiano con la redazione web per gli aggiornamenti sulle strade di città e provincia

Anche oggi torna l’appuntamento con le news sulla circolazione sulle strade bergamasche. Tutte queste informazioni verranno integrate con le segnalazioni dei lettori (scriveteci a [email protected] oppure alla nostra pagina Facebook ) e con le notizie intercettate dalla redazione de L’Eco di Bergamo. Le notizie in tempo reale anche grazie alle «sentinelle del traffico» di Colazione con Radio Alta condotta da Teo Mangione.

Nella notte tra domenica e lunedì sono caduti circa 10 centimetri di neve su tutta la Bergamasca. Traffico lento quasi ovunque, comprese le superstrade e autostrada. Serve soprattutto prudenza. Si registrano molte cadute causate dal ghiaccio, sia in moto che a piedi.

Ecco qualche consiglio direttamente da Guidaconsumatore per evitare incidenti sulla neve:

La prima regola per guidare sulla neve in sicurezza è: mantenere la calma, in qualunque situazione. Nervosismo, ansia e tensione, infatti, sono sempre controproducenti.

Evitare le manovre brusche: frenate e accelerazioni improvvise, curve a velocità sostenuta, brusche sterzate sono i nemici numero uno dell’aderenza del veicolo e vanno evitati se volete guidare sulla neve in maniera sicura. In caso di fondo stradale ghiacciato o innevato bisogna guidare dolcemente, in modo fluido e moderando sempre la velocità.

Evitare le decelerazioni brusche: anche se l’auto è dotata di ABS, in caso di neve o ghiaccio le ruote possono slittare se si frena improvvisamente menter siete impegnati a guidare sulla neve. Il consiglio è pertanto quello di decelerare dolcemente facendo un uso parsimonioso del pedale del freno, scalando invece le marce e sfruttando il freno motore. In questo modo le ruote avranno un maggior effetto sterzante e il controllo del veicolo sarà nettamente migliore.

A proposito di ABS: se da una parte questo dispositivo è utilissimo sulle strade in condizioni di percorrenza normali, in presenza di neve o ghiaccio si rivela del tutto controproducente perché il fatto di evitare il bloccaggio delle ruote causa una riduzione ancor maggiore dell’aderenza. Pertanto, se possibile, questo sistema frenante andrebbe disinserito quando si circola su strade bianche o ghiacciate. Purtroppo, per questioni di sicurezza, solo in pochi modelli di autoveicolo è possibile disattivare l’ABS.

Utilizzo corretto della frizione: sollevare lentamente il pedale dalla frizione significa evitare che le ruote girino a vuoto facendo perdere l’aderenza. Per ripartire da fermi, soprattutto in salita, è bene scegliere la marcia più alta possibile (ad esempio la seconda) per evitare il pattinamento delle ruote.

La marcia più lunga possibile deve essere utilizzata anche mentre si procede nel guidare sulla neve. Ad esempio, alla velocità di 50 chilometri orari, invece della terza è consigliabile sfruttare i giri più bassi della quarta marcia. Minore è il numero di giri e superiore sarà l’aderenza del veicolo.

Il volante va ruotato dolcemente, senza bruschi cambi di direzione, altrimenti è facile perdere l’aderenza e andare in sottosterzo (l’auto prosegue dritta in curva, finendo fuori traiettoria). In questo caso, controsterzando prontamente, si può ristabilire la corretta direzione di marcia ma questa manovra non è delle più semplici da effettuare. Per impararla, vi sono ad esempio dei corsi di guida sicura (vedi sotto).

Nelle autovetture dotate di cambio automatico per guidare sulla neve in sicurezza maggiore si consiglia di impostare la guida (se l’opzione fosse presente) in modalità “invernale”.

Anche quando la temperatura dell’aria è superiore agli 0°C è possibile che si mantengano tratti ghiacciati tutto il giorno, soprattutto nelle aree non esposte al sole: prudenza quindi, in particolare, sulle strade di montagna e in presenza di ombreggiamento da alberi, edifici o pareti rocciose.

Distanza di sicurezza: su neve e ghiaccio gli spazi di frenata aumentano notevolmente, pertanto è indispensabile aumentare la distanza dal veicolo che precede. Anche se sapete guidare sulla neve i tamponamenti non a caso sono tra gli incidenti più comuni, su strade innevate o ghiacciate.

Se in seguito ad una nevicata le strade non fossero ancora state pulite dagli spazzaneve, è bene rimanere nei “binari” lasciati dalle autovetture passate in precedenza. In questo modo si avrà un’aderenza superiore rispetto alla circolazione in mezzo alla neve fresca. Questo “effetto rotaia” è particolarmente utile per mantenere la traiettoria durante la percorrenza delle curve.

I veicoli a trazione integrale (SUV, fuoristrada 4×4…) sono caratterizzati da performance migliori su neve e ghiaccio, per via della presenza di quattro ruote motrici. Attenzione, però, perché guidare simili veicoli può dare un eccesso di confidenza molto pericoloso, dal momento che si tende a prendere sottomano la sicurezza nella guida. Inoltre questi veicoli sono spesso molto ingombranti, pesanti e dal baricentro alto, tutte caratteristiche che li rendono potenzialmente meno sicuri per la circolazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA