Malore per la capotreno, convoglio fermo Caos nelle stazioni, pendolari bloccati
Il cartello in stazione Fs a Bergamo che annuncia i ritardi questa mattina

Malore per la capotreno, convoglio fermo
Caos nelle stazioni, pendolari bloccati

La capotreno del regionale delle 6,50 per Milano si è sentita poco bene. Prima aveva discusso con alcune persone senza biglietto, con il treno fermo all’altezza di Stezzano e le proteste degli abbonati per il prolungato stop. In attesa dei soccorsi traffico ferroviario bloccato, con pesanti ripercussioni anche sui convogli successivi.

Un’altra mattinata difficile per i pendolari bergamaschi, con forti ritardi sui treni diretti a Milano. Tutto è cominciato sul convoglio delle 6,50 partito da Bergamo. Lo raccontano alcuni testimoni che viaggiavano sul treno: «Come al solito a bordo c'erano persone senza biglietto – spiegano –. La capotreno li ha individuati e ne è nata una discussione. Nel frattempo siamo arrivati a Stezzano, dove il treno è rimasto fermo per 10-15 minuti, con la capotreno che questionava con queste persone, insistendo perché lasciassero il mezzo, e il treno che non ripartiva. Dopo un po’ gli abbonati hanno cominciato a lamentarsi di questo prolungato stop, che stava causando disagi e ritardi a tutti. Anche lì una mezza discussione. Intanto il convoglio era sempre fermo. A quel punto la capotreno ha accusato un malore, è scesa dal treno, ha atteso l’arrivo dell’ambulanza (arrivata in codice giallo, l’intervento si è poi concluso con codice verde, ndr)».

Lo stop a Stezzano ha causato, a cascata, pesanti ripercussioni sul traffico ferroviario del mattino in partenza per Milano. Anche nelle stazioni successive banchine affollate di pendolari in attesa del treno per raggiungere il posto di lavoro. I convogli diretti verso il capoluogo lombardo tra le 7 e le 8 hanno ritardi di un’ora (vedi foto). Il primo a ripartire, intorno alle 8, è stato il treno delle 7,16. «i ritardi sono stati pesanti – spiegano ancora i testimoni del treno delle 6,50 –: sul nostro ad esempio c’erano tre professori che dovevano raggiungere Treviglio perché fanno parte di una commissione d’esame per la Maturità, hanno dovuto chiamare e avvertire che non sarebbero arrivati in orario. Non si può tenere fermo un treno per tutti quel tempo».

Bergamo, caos in stazione

Bergamo, caos in stazione

Anche oggi torna l’appuntamento con le news sulla circolazione sulle strade bergamasche. Tutte queste informazioni verranno integrate con le segnalazioni dei lettori (scriveteci a redazioneweb@eco.bg.it oppure alla nostra pagina Facebook ) e con le notizie intercettate dalla redazione de L’Eco di Bergamo. Le notizie in tempo reale anche grazie alle «sentinelle del traffico» di Colazione con Radio Alta condotta da Teo Mangione.

Caos nelle stazioni

Caos nelle stazioni


© RIPRODUZIONE RISERVATA